Quando la fede si colora

31/08/16

Mercato 2016

Chiuso da poco il calciomercato estivo, ecco il dettaglio delle operazioni nerazzurre. 

Acquisti 

Marco Andreolli (d) classe 1986, fine prestito dal Siviglia 
Cristian Daniel Ansaldi (d) classe 1986, dal Genoa 
Éver Maximiliano David Banega (c) classe 1988, svincolato 
Antonio Candreva (c) classe 1987, dalla Lazio 
Gianluca Caprari (a) classe 1993, dal Pescara 
Caner Erkin (d) classe 1988, svincolato 
Gabriel Barbosa Almeida noto come Gabigol (a) classe 1996, dal Santos 
João Mário Naval da Costa Eduardo noto come João Mário (c) classe 1993, dallo Sporting Lisbona 
Andrea Ranocchia (d) classe 1988, fine prestito dalla Sampdoria 

Cessioni 

Francesco Bardi (p) classe 1992, in prestito al Frosinone 
Daniel Sartori Bessa (c) classe 1993, all’Hellas Verona 
Cristiano Biraghi (d) classe 1992, al Pescara 
Gianluca Caprari (a) classe 1993, in prestito al Pescara 
Raffaele Di Gennaro (p) classe 1993, in prestito alla Ternana 
Federico Dimarco (d) classe 1997, in prestito all’Empoli 
José Rodolfo Pires Ribeiro, noto come Dodô (d) classe 1992, alla Sampdoria 
Caner Erkin (d) classe 1988, in prestito al Besiktas 
Juan Guilherme Jesus Nunes (d) classe 1991, alla Roma 
Diego Sebastián Laxalt Suárez (c) classe 1993, riscattato dal Genoa 
Adem Ljajić (a) classe 1991, fine prestito torna alla Roma 
Samuele Longo (a) classe 1992, in prestito al Girona 
Rey Manaj (a) classe 1997, in prestito al Pescara 
George Alexandru Pușcaș (a) classe 1996, in prestito al Benevento 
Alex Nicolao Telles (d) classe 1992, fine prestito torna al Galatasaray 

Che dire? I cinesi si vedono e si sentono, mercato con colpi come ai tempi belli di Moratti, con giocatori di prima fascia: Joao Mario, Gabigol, Candreva e Banega, più Ansaldi e un giovane italiano come Caprari lasciato a Pescara almeno un altro anno. 

Di contro, le cessioni in pratica riguardano quasi esclusivamente i giovani, togliendo Telles e Ljajic che però erano in prestito, gli unici usciti sono Juan Jesus e Dodo; insomma, rispetto agli ultimi anni, nessun Big ceduto. 

Un mercato sontuoso con due grosse pecche: in difesa manca qualcosa, un centrale di riserva come si deve (eventualmente si può far scalare Medel come quando gioca con la sua Nazionale), ma soprattutto manca almeno un terzino di spessore (anche se ne abbiamo molti che possono riproporsi anche come centrali) e l’allenatore, va bene, bisogna lasciare tempo a De Boer, ma una partenza ad handicap come la sua è molto nociva. Aspetto a giudicarlo, ma mi sembra un allenatore alla Mazzarri, che (ad esempio) con i cambi non arriva mai a rischiare nulla, un terzino per un terzino, una punta per una punta...ogni tanto rischia qualcosa, fuori un centrocampista e dentro un altro attaccante!

Lasciando il tempo all’olandese, l’errore è stato quello di cambiare allenatore a soli quindici giorni dall’inizio della stagione, si poteva fare senza dubbio almeno ad a inizio ritiro. 

Resta da considerare un aspetto, il mercato ha chiuso, ma gli svincolati si possono prendere in qualsiasi momento, come nel caso di Caceres tanto per fare un nome, che comunque potrebbe fare comodo. 

In ultimo, un mini pronostico sulla stagione, temo che i bianconeri vinceranno ancora una volta a man bassa mentre gli altri sembrano molto equilibrati; De Boer permettendo, almeno in Champions si potrebbe anche arrivare, la squadra quest’anno c’è! 

Se poi dovesse arrivare almeno una delle coppe a cui parteciperemo, sarà tutto di guadagnato, anche se l’Europa League, già solo per la presenza del Manchester United, sarà molto difficile. 


Share:

0 commenti:

Post più popolari