Quando la fede si colora

28/08/16

Con il freno a mano tirato: Inter-Palermo 1-1 (0-0)

Sembrava di assistere al match della scorsa settimana contro il Chievo, tanto possesso palla nostro, gli avversari ad attendere nella loro metà campo, gioco lento...e tanto per gradire il primo tiro in porta della partita non prima del trentesimo. 

E nella ripresa, deja vu, con un’azione sporca e casuale, palla al limite, tiro di Rispoli, rimpallo sulle gambe di Santon e Handanovic spiazzato. Ritornano i fantasmi di Verona, anche perchè come in quel match no si vede la reazione veemente che ci ha sempre caratterizzato, restiamo compassati a far girare palla sperando di giungere fino alla loro area e realizzare. 

Solo con l’ingresso di Candreva c’è stata una svegliata generale, non a caso suo l’assist per il pareggio di Icardi. 

Peccato non aver concretizzato le numerose palle gol capitate a turno sui piedi nerazzurri, quantomeno questa volta per degli errori banali non abbiamo concretizzato, ma quantomeno abbiamo tirato in porta un po’ più di volte. 

Qualcuno dice netto miglioramento, onestamente io non l’ho visto, si spera che dopo la sosta si cominci a vedere qualcosa di meglio, grazie ai nuovi innesti e a una condizione fisica migliore. 

Marcatori: 48’ Rispoli , 72’ Icardi. 

Inter: 1 Handanovic, 33 D’Ambrosio, 25 Miranda, 24 Murillo, 21 Santon (68’ 95 Miangue), 17 Medel, 19 Banega, 7 Kondogbia, 23 Eder, 9 Icardi, 44 Perisic (68’ 87 Candreva). 
A disposizione: 30 Carrizo, 46 Berni, 5 Melo, 8 Palacio, 11 Biabiany, 13 Ranocchia, 27 Gnoukouri, 77 Brozovic, 94 Yao. 
Allenatore: Frank De Boer. 

Palermo: 1 Posavec, 2 Goldaniga, 2 Vitiello, 4 Andelkovic (85’ 15 Cionek), 3 Rispoli, 10 Hiljemark, 14 Gazzi, 18 Chochev, 19 Aleesami; 21 Quaison (55’ 20 Sallai), 30 Nestorovski (76’ 22 Balogh). 
A disposizione: 55 Marson, 68 Fulignati, 11 Embalo, 12 Gonzalez, 24 Bouy, 27 Bentivegna, 28 Jajalo, 70 Giuliano, 97 Pezzella. 
Allenatore: Davide Ballardini. 

Ammoniti: Goldaniga, Aleesami, Gazzi, Murillo, Sallai, Rispoli. 

Arbitro: Carmine Russo della sezione di Nola. 

Pagelle  

Miranda 6,5: poco alla volta sta ritornando l’ottimo centrale che conosciamo. 

Candreva 6,5: smuove il match, si propone, gioca, crossa, conclude, suo l’assist per il gol. 

Banega 6: è su ogni pallone come deve effettivamente essere, ma ancora ne perde troppi, deve capire che in Italia non ha il tempo per ragionare, tra l’altro l’azione del vantaggio ospite nasce da una sua palla persa in ripartenza. 

Medel 6: fuori ruolo non sfigura, anzi arriva ben due volte a concludere a rete, sfortunato. 

Murillo 6: poche occasioni per mettersi in mostra, gara senza sbavature. 

D’Ambrosio 6: non al meglio riesce a disputare una partita positiva. 

Miangue 6: d’incoraggiamento e soprattutto perchè si è proposto più lui di Santon. 

Kondogbia 5,5: deve ancora crescere, alterna buone giocate ad altre inguardabili. 

Perisic 5,5: lontano parente dell’ottimo giocatore ammirato sul finale di stagione e all’Europeo. 

Eder 5,5: arriva sempre fino all’ultimo, poi sbaglia a concludere o a saltare l’uomo o ancora a passare ai compagni, forse deve ancora entrare in condizione. 

Santon 5,5: non spinge mai e si limita al compitino, sfortunato sul tiro di Rispoli. 

Icardi 5: un voto in più per il gol, non si vede per tutta la gara, poi all’improvviso, prima del pareggio riesce a sbagliare gol impossibili da sbagliare per uno come lui. 

Handanovic s.v. 

De Boer 5: per me ha sbagliato ancora formazione, Perisic e Candreva titolari e magari fuori Medel, visto l’impiego in un ruolo non suo, anche se ha comunque giocato discretamente. 


Share:

0 commenti:

Post più popolari