Quando la fede si colora

21/08/16

Chi ben comincia...: Chievo-Inter 2-0 (0-0)

Spettacolo al Bentegodi, il tanto decantato calcio di De Boer va subito a fondo. 

Primo tempo a senso unico con il Chievo schierato tutto nella sua metà campo, ben chiuso e in attesa di colpire, con due grandi palle gol per i nerazzurri sventate casualmente, e un’azione pericolosissima per loro; ma gioco troppo lento e prevedibile, senza mai saltare l’uomo diretto. 

Nella ripresa pronti via, 1-0 Chievo e... nessuna reazione nerazzurra, zero proprio; i veneti ovviamente tornano a chiudersi e addirittura, non solo sono ancora più pericolosi, ma raddoppiano e continuano a tenere meglio il campo. 

Sconfitta giusta, l’olandese forse farebbe meglio a non parlare prima “...comanderemo in campo...”, brutta veramente, sembrava peggio della scorsa stagione 

Marcatori: 49’ e 81’ Birsa. 

Chievo: 70 Sorrentino, 29 Cacciatore, 3 Dainelli, 12 Cesar, 18 Gobbi, 19 Castro (63' 4 Rigoni), 8 Radovanovic, 56 Hetemaj, 23 Birsa (86' 27 Parigini), 45 Inglese, 69 Meggiorini (76' 31 Pellissier). 
A disposizione: 90 Seculin, 32 Bressan, 2 Spolli, 5 Gamberini, 20 Sardo, 21 Frey, 36 Costa, 95 Jallow, 97 De Paoli. 
Allenatore: Rolando Maran. 

Inter: 1 Handanovic, 33 D'Ambrosio, 25 Miranda, 13 Ranocchia, 55 Nagatomo, 17 Medel, 7 Kondogbia, 87 Candreva (61' 44 Perisic), 19 Banega (70' 77 Brozovic), 23 Eder (75' 8 Palacio), 9 Icardi. 
A disposizione: 30 Carrizo, 46 Berni, 5 Melo, 10 Jovetic, 11 Biabiany, 18 Erkin, 21 Santon, 27 Gnoukouri, 94 Yao. 
Allenatore: Frank de Boer. 

Ammoniti: D’Ambrosio, Meggiorini, Medel, Radovanovic, Brozovic, Kondogbia. 

Arbitro: Massimiliano Irrati della sezione di Pistoia. 

Pagelle  

Ranocchia 6: forse il meno peggio di tutta la squadra, soprattutto per la decisione con cui entra su ogni pallone.
Kondogbia 6: prova qualcosa ma è poco o nulla pure lui. 

Palacio 6: entra in campo ed è subito vivo, complimenti a lui. 

Miranda 5,5: meno bene rispetto alla passata stagione, forse perchè messo in un ruolo non troppo congeniale. 

Nagatomo 5,5: il solito Nagatomo, una giocata buona e dieci scarse. 

Medel 5,5: palesemente in ombra, mai visto. 

Banega 5,5: la stella della squadra si scioglie misteriosamente, forse deve ancora assimilare i nuovi schemi, oppure deve ancora ambientarsi in Italia. 

Eder 5,5: una fiammata nel primo tempo e poi invisibile. 

Perisic e Brozovic 5,5: entrati piuttosto “scornati”, forse per la panchina iniziale, non combinano un granchè. 

D'Ambrosio 5: invisibile, mai una ripartenza, mai una sovrapposizione.

Candreva 5: molto in ritardo di condizione, cross sbagliati e troppe palle perse. 

Icardi 4: si sa che in queste partite, se non viene servito e assistito a dovere, diventa inguardabile. 

Handanovic 4: praticamente immobile su entrambe le reti. 

De Boer 4: esordio con il botto, non gira nulla, non funziona nulla, non c’è un’idea, molto male, tutto da rivedere e bisogna farlo piuttosto in fretta. 


Share:

0 commenti:

Post più popolari