Quando la fede si colora

02/08/16

Antonio Candreva, è fatta

Dopo mesi di continui tira e molla in cui ogni momento sembrava essere quello buono, finalmente oggi siamo arrivati all’acquisto di Antonio Candreva dalla Lazio. 

Candreva, nato a Roma il 28 febbraio 1987, giunge forse tardi in un palcoscenico di prestigio, la sua carriera lo ha visto indossare le casacche di Udinese, Livorno, Juventus (piccola breve parentesi insulsa che pare non abbia lasciato strascichi), Parma, Cesena, prima di approdare alla Lazio, squadra in cui si è affermato vincendo una Coppa Italia, e guadagnandosi la maglia della Nazionale. 

Si tratta di un centrocampista tuttofare, può essere schierato davanti alla difesa ma anche, e soprattutto, in fascia,  ruolo che sembra essere a lui più congegnale perchè gli consente di saltare abbastanza agevolmente l’uomo grazie all’ottimo dribbling di cui è dotato, ma anche di pennellare precisi cross per gli attaccanti; proprio questi cross lo hanno reso uno dei migliori assist-man e “crossatori” della passata stagione. 

A tutte queste qualità si aggiungono la disciplina tattica che lo porta a essere particolarmente utile a tutta la squadra, una buona forza fisica, e un potente e preciso tiro; non è un caso che in ogni stagione realizzi decine di reti  (la scorsa stagione tre le ha rifilate a noi tra andata e ritorno), alcune si possono considerare vere e proprie perle balistiche, anche da gioco fermo. 
Un elemento sicuramente utile alla squadra di Mancini, l'importante è che che riesca a integrarsi fin da subito e non sia vittima di uno di uno di quei fastidi muscolari che spesso lo portano a dare forfait, come negli ultimi europei.

Un buon giocatore probabilmente pagato un po’ troppo; purtroppo si sa che andare a trattare con Lotito è sempre difficile, la speranza è che non ci abbia rifilato un’altra “sola” come nel caso dell’acquisto di Hernanes

Benvenuto. 

Share:

0 commenti:

Post più popolari