Quando la fede si colora

03/02/14

Fine mercato invernale

Terminata la sessione invernale di calciomercato ecco il doveroso resoconto delle operazioni nerazzurre, compreso i più giovani (leggermente staccati nell’elenco): 

Acquistati 

Rubén Alejando Botta Montero (a) classe 1990, fine prestito dal Livorno 
Danilo D'Ambrosio (d) classe 1988, dal Torino 
Anderson Hernanes de Carvalho Viana Lima (c) classe 1985, dalla Lazio 
Samuele Longo (a) classe 1992, fine prestito dall’Hellas Verona 
Ezequiel Matías Schelotto (c) classe 1989, fine prestito dal Sassuolo 

Denis Alibec (a) classe 1991, fine prestito dal Bologna 
Fabio Dario Braidich (a) classe 1998, fine prestito dalla Pro Patria 
Bocar Djumo (a) classe 1994, fine prestito dall'União da Madeira 
Emanuele Cossa (d) classe 1995, fine prestito dalla Folgore Caratese 
Gaston Camara (a) classe 1996, dal Santarcangelo 
Nahuel Losada (C) classe 1995, fine prestito dal Carpi 
Matteo Mainini (p) classe 1995, fine prestito dal Varese 
Ibukun Ogunseye (a) classe 1995, fine prestito dal Marano 
Riccardo Palmieri (c) classe 1995, fine prestito dal Modena 
Andy Jorman Polo Andrade (a) classe 1994, dall’Universidad San Martín de Porres 
Dominik Smekal (c) classe 1998, dal Sigma Olomuc 
Baldé Tidjane (a) classe 1996, dal Modena 

Ceduti 

Ishak Belfodil (a) classe 1992, in prestito al Livorno 
Samuele Longo (a) classe 1992, in prestito al Rayo Vallecano 
Álvaro Daniel Pereira Barragán (d) classe 1985, in prestito al San Paolo
Ezequiel Matías Schelotto (c) classe 1989, in prestito al Parma 

Denis Alibec (a) classe 1991, all’Astra Giurgiu 
Daniel Sartori Bessa (c) classe 1993, in prestito allo Sparta Rotterdam 
Matteo Colombi (a) classe 1994, in prestito al Torino 
Nicolò Di Stefano (d) classe 1995, in prestito al Varese 
Adama Guidiala (a) classe 1995, prestito all'Olimpique Marsiglia 
Frederic Injai (c) classe 1995, in prestito al Saint-Etienne 
Jesús Valeriano Nchama Oyono (c) classe 1995, in prestito al Varese 
Stefano Tonsi (c) classe 1994, in prestito alla Novese 

Mercato piuttosto importante per quel che concerne gli arrivi, su tutti ovviamente Hernanes, di Botta e D’Ambrosio bisognerà scoprire via via se sono da Inter e possono reggere le pressioni cui tutti i nerazzurri sono soggetto; da valutare l’assoluta sorpresa, a detta di molti vero e proprio colpo, l’attaccante peruviano Andy Jorman Polo Andrade, per ora nella Primavera. 

Un po’ più deludente la fase di uscita, speravo venissero piazzati altrove quantomeno Mariga, Mudingayi, Olsen, Castellazzi e Wallace, sembrava potessero accasarsi in altre squadre, invece resteranno qui almeno fino a fine stagione a fare muffa, dopo di che lasceranno Milano a zero costi, l’unico con un contratto più lungo è Olsen (2015) ma staremo a vedere. 

Mi aspetto a giorni la rescissione del contratto di Chivu, onore e gloria a lui per tutto ciò che ha dato, ma ora dopo gli acciacchi perenni è ora di salutarsi. 

Questo mercato comunque potrebbe segnare una svolta a livello dirigenziale, grazie all’intervento di Thohir, che ha posto alcuni paletti e vincoli importanti: 
  • nessuno scambio alla pari Guarin-Vucinic 
  • nessun acquisto dalla Juventus (ne Vucinic ne Quagliarella...) 
  • nessuna svendita di giocatori piuttosto deprezzati in questo momento come Guarin e Ranocchia 
  • nessun giochetto negli acquisti, per D’Ambrosio il Torino voleva soldi più la comproprietà di Benassi e Colombi, ha ottenuto pochi soldi e il prestito dell’ultimo citato, per Hernanes la Lazio voleva soldi e Mbaye, dopo la positiva annata che sta trascorrendo a Livorno, bene, per il brasiliano ci saranno solo soldi. 


Insomma, per una volta pare che i piedi siamo riusciti a non farceli mettere in testa, cercando di fare un mercato a modo nostro (più o meno) e la qual cosa lascia ben sperare. 


Share:

0 commenti:

Post più popolari