Quando la fede si colora

26/12/13

Quelli che...MILAN INTER '63.

La leggenda del Mago e del Paròn 

Il libro, in gran parte fotografico, ha una misura decisamente fuori dalla norma, il formato A4 è infatti piuttosto inusuale tuttavia, proprio la sua grandezza lo rende perfetto per osservare le immagini notando anche dettagli che altrimenti sfuggirebbero. 

190 pagine, due copertine, una a favore del Mago Helenio Herrera e l’altra parteggiante per il Paròn Nereo Rocco. Aprendo il libro ci si trova faccia a faccia con 64 pagine di sole fotografie (con didascalie) rigorosamente in bianco e nero rappresentanti momenti storici e non solo dei due grandi allenatori, seguiti da 64 pagine di narrativa e, a seguire, altre 64 immagini. Scene di vita quotidiana avvicinano il tifoso al mito, si entra in punta di piedi nella famiglia e si conoscono gli affetti più cari, come nel caso dell’ultima immagine del Mago, in ordine di impaginazione, in cui è ritratto dalla moglie Flora in posa yoga (era solito praticarlo ogni mattina) in soggiorno, completamente nudo. 

Da un lato si sfoglia e ci si addentra nella vita del Mago ma, capovolgendo il libro, e ripartendo dall’altro lato, si viene catapultati nella storia del Paròn. 

Per leggere agevolmente il libro, la scelta migliore è quella di iniziare dal lato del Mago, in modo da poter leggere proseguendo nello stesso verso; per godere delle foto di Nereo Rocco è infatti necessario capovolgere il libro di conseguenza, se si iniziasse a sfogliarlo dal suo lato, le scritte apparirebbero al contrario. 

L’indice è così composto: 

La leggenda del Mago e del Paròn (Gigi Garanzini) 
Milano ’63 (John Foot) 
Quelli che... (Gigi Garanzini) 
Visti da Gioanbrerafucarlo 
Da Buenos Aires a Venezia 
Tutte le finali del Mago 
Da Trieste a Trieste 
Tutte le finali del Paròn 
Tutti i loro derby 

Il libro riprende la mostra che il Comune di Milano ha esposto presso il Palazzo Reale dal 24 maggio all’8 settembre 2013, in celebrazione dei due mostri sacri del calcio meneghino; nel 1963, o forse è meglio dire a partire dal 1963, i 2 uomini hanno contribuito in modo determinante a fare la fortuna di Inter e Milan consentendo allo stadio di San Siro di meritarsi il soprannome di “Scala” del calcio (in richiamo del grande teatro milanese). 

Brevi ma intensi, i capitoli raccontano di una Milano in crescita economica, demografica e industriale, la base di quella che sarebbe poi diventata la Milano da bere, una Milano capitale che con la mitica Fiera Campionaria, il Velodromo Vigorelli e il Pirellone dominava su un hinterland in pieno sviluppo. 

Tra queste poche righe, compaiono anche foto sbiadite di una Milano ancora in costruzione, spaccati di cantieri, fabbriche, campi, storia meneghina. 

Non mancano neppure alcuni pensieri di Gianni Brera che precedono schede statistiche, ognuno ha le sue, e di ognuno si approfondiscono le date più importanti della vita calcistica, le finali disputate con vittorie e sconfitte, i derby che li hanno visti fronteggiarsi. 

Il libro è un racconto di due personaggi quasi all’opposto: tanto elegante, ricercato, preciso, quasi maniacale Helenio Herrera, tanto terra terra, impreciso, che viveva alla giornata Nereo Rocco. Nonostante le tante differenze sono stati due veri fenomeni che, sotto-sotto, possono essere considerati simili, due amici che si frequentavano fuori dal campo e tornavano a essere eterni nemici alla prima occasione che si presentava, tutto in onore dello show calcistico. 
Un’ultima precisazione, non fatevi ingannare dall’immagine della copertina, quella esposta qui accanto è l’unione delle due rimpicciolite; quando ho acquistato il libro, trovandomi tra le mani la parte di Herrera (quella superiore), pensavo si trattasse di un altro libro, solo osservandolo meglio ho capito l’inganno.

Autore: Gigi Garanzini
Editore: Skira 
Anno di pubblicazione: 2013 

Share:

2 commenti:

LeNny ha detto...

Tanti auguri carissimo. Amala. :)

Buon 2014.

arrgianf ha detto...

ciaoooo augurissimi buon anno e felice 2014 :) :) forza Inter :) :) :)

Post più popolari