Quando la fede si colora

30/10/13

Milan-Inter. 100 anni di derby

Libro a totale celebrazione del derby di Milano, la stracittadina italiana che ha avuto il maggior numero di incontri; ci sono quasi 380 pagine che ripercorrono tutte le partite, dalla prima giocata nel 1908 valida per la 3a Coppa Chiasso Milan-Inter 2-1 (1-1) con marcatori Lana (M), Payer I (I) e Forlano (M), al derby numero 269 della stagione 2008-09 valido per il Campionato e terminato Inter-Milan 2-1 (2-0) con marcatori Adriano (29'), Stankovic (43') e Pato (71'), l'ultimo prima della stampa del libro stesso. 

Gli autori hanno pensato a un libro sul derby di Milano proprio nella stagione dell'anno 2008 in cui si è giunti a cento anni di Derby giocati, qualcuno potrebbe obiettare che un paio d'anni non si è potuto svolgere in quanto il Milan era in Serie B, invece a sorpresa ecco che nelle stagioni 1980-1981 e 1982-1983 si trovano derby di Coppa Italia e 1° Mundialito Clubs nella prima stagione e 2° Mundialito Club nella seconda stagione, quindi il derby da quando è stata fondata l'Inter nel lontano 1908 non ci ha mai abbandonato. 

La particolarità del libro, oltre ad avere una pagina per ogni derby con relativa tabella (data, manifestazione, arbitro, formazioni e marcatori) e commento degli episodi salienti del match stesso (stadio, numero degli spettatori, breve storia della stagione e soprattutto breve cronaca) è l'introduzione storica del momento che precede l'inizio di ogni capitolo nella prima parte: 

Introduzione 

PARTE PRIMA 
1908-1919 La preistoria 
1919-1929 Il derby si fa serio 
1929-1945 Arriva la serie A 
1945-1954 La rinascita 
1954-1971 Milano capitale 
1971-1986 Derby in sordina 
1986-2000 Da Berlusconi a Moratti 
2001-2009 Il derby di Milano nel XXI secolo 

Postfazione 

PARTE SECONDA 
Statistiche 
Bibliografia 

La storia è un'integrazione del libro, non solo calcio e derby, ma eventi che ne fanno da contorno, sia per quel che riguarda Milano, l'Italia e il Mondo intero, come ad esempio nell'introduzione del 1919-1929 con accenni alla marcia su Roma del 1922 di Benito Mussolini in cui divenne Capo del Governo, oppure in quella del 2001-2009 che si apre con l'attentato terroristico dell'11 settembre al World Trade Center di New York, in cui vennero abbattute le Torri Gemelle con conseguente guerra americana in Afganistan. 

In questi preliminari dei capitoli si incontra tutto quello che circondava e ancora circonda l'esterno del calcio, l'esterno del derby, dalla politica, allo spettacolo, cronaca, ecc.ecc.; è una parte importante e interessante, un percorso a ritroso quasi doveroso. 

Tornando ai derby, ci sono tutti, ordinati come detto dal 1° al 269esimo, per ogni manifestazione ufficiale disputata, amichevoli comprese ed è veramente completo, addirittura ogni giocatore indicato in formazione, tra parentesi ha il numero dei derby disputati: Zenga ad esempio nel derby numero 214 era alla 15esima presenza, mentre Serena indicava I5 e M1 ovvero 5 con la maglia dell'Inter e 1 con quella del Milan, a fine carriera totalizzeranno nei derby 28 presenze Zenga e Serena I9 e M1. 

La seconda parte è tutta pura statistica riepilogato con tabelle riassuntive, evitiamo di ricordare che purtroppo il Milan è avanti nella classifica delle vittorie, dovute principalmente al boom dei primi anni di Berlusconi presidente (fino agli anni ottanta, il Milan era dietro l'Inter in ogni classifica, non solo per quel che riguarda i derby), pensiamo invece ad esempio tanto per citare la classifica dei giocatori con più presenze a Maldini che è l'uomo derby, avendone disputati 56, primo nerazzurro Bergomi a quota 44 (ovviamente essendo uscito nel 2009 Zanetti ancora era dietro allo Zio). 

Il derby visto sotto ogni angolazione, peccato ci sia solo una breve pagina di postfazione in cui si accennano i match disputati nell'estate 2009 a libro in stampa, che ci aggiornano dei soli risultati fino al numero 271 Milan-Inter 0-4...un libro da collezione, a cui se proprio si vuole fare una critica, è quella di aver omesso il numero di maglia dei calciatori, fino alla stagione 1995-1996 compaiono con la classica numerazione da 1 a 11 che generalmente indicava anche il ruolo che ognuno svolgeva, poi i giocatori lasciati liberi di scegliere il proprio numero preferito (tutto marketing e merchandising) hanno mischiato le carte in tavola, e gli autori hanno omesso questa parte (così nel derby numero 266 terminato Inter-Milan 2-1, avremmo trovato 12 Julio Cesar, 13 Maicon, 6 Maxwell, 25 Samuel,...), anche se a loro credito va ricordato che il lavoro svolto per realizzare questo libro non è stato certo facile, anzi è stato un ottimo lavoro davvero encomiabile. 

Autore: Enrico Tosi e Gian Michele Ottina 
Editore: Libreria dello Sport 
Anno di pubblicazione: 2009

Share:

0 commenti:

Post più popolari