Quando la fede si colora

05/05/12

Un caro saluto a Cordoba

In occasione del Derby di domani sera, Iván Ramiro Córdoba Sepúlveda varcherà per l'ultima volta da calciatore i cancelli di San Siro e il terreno di gioco, con una lettera da grande uomo quale è sempre stato, ha voluto cominciare a salutare il pubblico nerazzurro con due gare d'anticipo.
Nato a Rionegro (Colombia) l'11 agosto 1976, chiude in pratica 36enne dopo 13 stagioni nerazzurre con la mitica casacca numero 2, con cui ha collezionato 454 presenze e realizzato 18 reti (entrambe potrebbero subire una modifica qualora dovesse disputare gli ultimi due incontri), ma soprattutto dopo aver conquistato ogni trofeo: 5 Scudetti (2005/06, 2006/07, 2007/08, 2008/09 e 2009/10), 1 Champions League (2009/10), 1 Mondiale per Club (2010), 4 Coppe Italia (2004/05, 2005/06, 2009/10 e 2010/11), e 4 Supercoppe Italiane (2005, 2006, 2008 e 2010).
Uno dei più grandi difensori della storia dell'Inter, per anni l'ho ammirato e sarò grato per tutto quello che ha dato da gran guerriero quale era alla causa nerazzurra.
Addio Campione e grazie ancora di tutto.
Ecco le sue parole:

"Cari tifosi,

domani, in occasione del derby, sarà la mia ultima partita come giocatore a San Siro.

Ho scelto di dirvi tutto ciò dopo aver parlato con il Presidente Moratti, con i dirigenti, con l'allenatore e con la mia famiglia.

Adesso sono concentrato, come tutti voi, come i miei compagni, sulla partita, ma sicuramente ci saranno i tempi e i modi nelle prossime settimane per parlare di quello che sarà il mio futuro e di ricordare, con grande piacere, le tredici stagioni che abbiamo vissuto insieme: con passione, con rispetto e condividendo sempre tutto, dai momenti difficili alle straordinarie, bellissime vittorie.

Come in ogni partita, anche domani sera abbiamo bisogno del vostro sostegno".

Ivan Cordoba

Share:

0 commenti:

Post più popolari