Quando la fede si colora

10/06/10

Benitez nuovo tecnico

Mancava solo l'ufficializzazione e ora è arrivata, il successore di José Mourinho sulla panchina nerazzurra è
lo spagnolo Rafael Benítez Maudes detto Rafa, nato a Madrid il 16 aprile 1960.
Dopo l'esordio in panchina nelle giovanili del Real Madrid, si mette in mostra dapprima a Valencia con cui comincia a mietere successi e successivamente a Liverpool sua ultima squadra fino al mese scorso.
Ai tifosi nerazzurri ha regalato la prima gioia nella mitica finale di Champions League del 2004/05 a Istambul battendo ai rigori il Milan, dopo che il primo tempo aveva visto i rossoneri in vantaggio di 3-0.
Benitez ha firmato un contratto che lo lega all'Inter fino a giugno 2012 (si mormora 4 milioni di Euro a stagione), con lui dovrebbero fare parte dello staff tecnico (in attesa dell'ufficialità) il preparatore dei portieri Xavi Valero (Spagna), il preparatore atletico Paco De Miguel (Spagna), l'allenatore in seconda Mauricio Andres Pellegrino (Argentina) eh... l'italiano Amedeo Carboni che dovrebbe occupare un ruolo dirigenziale (ma quale?); restiamo in attesa di conferme riguardo allo staff.
Che sia un vincente lo ha già dimostrato con le altre squadre, adesso non può che incrementare il suo e il nostro palmares, ha in mano una fuoriserie, deve solo condurla al meglio proseguendo le recenti vittorie, non sarà facile e soprattutto dovrà stare attento alla critica italiana ed evitare tranelli insidiosi.
La presentazione ufficiale è prevista per martedì 15 giugno alle ore 12 presso il centro sportivo "Angelo Moratti" di Appiano Gentile. In bocca al lupo mister.


Si ringrazia il sito Inter.it per aver autorizzato la riproduzione dell'immagine.
Share:

4 commenti:

Anonimo ha detto...

rendiamocene conto, Moratti ha scelto un altro numero uno.

Vincenzo ha detto...

Benvneuto Benitez quindi!

SS LAZIO-1 ha detto...

FORZA INTER

http://sslazioclublevadia.blogspot.com/

arrgianf ha detto...

Un grandissimo!!! :):)
Quello che mi dispiace è che rivoluzionerà la squadra visto che ha mentalità diversa di Mourinho.

Post più popolari