Quando la fede si colora

12/01/10

Altobelli gol

Breve libro dedicato ad una delle bandiere nerazzurre degli anni 80: Alessandro Altobelli.

Volume in un formato inedito, circa un A4, 80 pagine inframezzate da numerose fotografie tutte a colori e alcune delle quali inedite, scritto a due mani ed edito dalla società nerazzurra, ormai un cimelio introvabile.

Il libro si sviluppa in due parti, la prima scritta dal celebre giornalista sportivo Gino Bacci (ai tempi caporedattore della testata “Tuttosport” di Milano) e riguardante tutta la vita sportiva di Altobelli; la seconda scritta da Valberto Miliani (nel 1988 capo ufficio stampa dell'Inter e direttore della rivista “Inter Football Club”) e riguardante tutta la vita di Altobelli al di fuori del calcio.

Diciotto capitoli ripartiti tra i due giornalisti (sette di Bacci e undici di Miliani) così suddivisi:

Gino Bacci
Capitolo 1 – Da Sonnino a Brescia (Le origini)
Capitolo 2 – L'erede di Meazza (L'Inter)
Capitolo 3 – Il sigillo di Madrid (La Nazionale)
Rilievi statistici
I portieri battuti in Nazionale
Un Bomber da 300 gol
Li ha messi in fila
Insieme verso lo Scudetto (di Eugenio Bersellini)

Valberto Miliani
L'uomo e il campione (Filo diretto)
Da macellaio a idolo
Dio, l'architetto del mondo
Il rispetto del prossimo
Spillo e il pubblico
Il cacciatore
Un segreto: l'umiltà
Un atleta esemplare
I suoi allenatori
Antonella, è vero?
Una grande bandiera

La parte riguardante la vita sportiva è molto approfondita e completa, inizia dalle origini del campione nella squadra del suo paese natale (Latina), poi il passaggio a Brescia (dove tra l'altro conosce e fa coppia con l'altro fenomeno anch'esso futuro nerazzurro Beccalossi) giungendo alla vita nerazzurra, senza dimenticare l'apporto dato alla Nazionale italiana; il tutto condito da dati statistici e tabelle precise.

Purtroppo i dati riguardanti la carriera di Altobelli sono aggiornati alla stagione 1986/87, la sua penultima all'Inter, quando era nel pieno della maturità calcistica, non a caso era anche il capitano dei nerazzurri; nonostante i dati nerazzurri non siano completi, si nota comunque la grandezza del bomber, che a fine carriera terminerà con 209 reti in 466 partite giocate con la casacca nerazzurra, secondo bomber di tutti i tempi all'Inter dietro solo al grande Meazza, e tra l'altro Altobelli detiene un record difficilmente battibile: nela sua carriera dal 74 al 90 ha realizzato 56 reti in Coppa Italia diventando il Capoclassifica di tutti i tempi della manifestazione; senza considerare la sua carriera azzurra che, tanto per ricordarsi meglio le sue doti, lo portò nella finale del Bernabeu a Espana 82 a realizzare la terza rete di quel mitico successo.

Prima di passare alla vita extracalcistica c'è ancora spazio per un spaccato di Altobelli tracciato da Eugenio Bersellini l'allenatore con cui ha trionfato vincendo Scudetto e Coppe Italia.

La parte che tratta la sua vita di uomo qualunque, uomo normale (anche se normale non può certo essere) non è un lungo racconto, bensì una vera e propria intervista che Miliani fa ad Altobelli tracciandone hobby, soprannome, tempo libero, famiglia, toccando tutti i temi possibili ed immaginabili: sapevate ad esempio che non fosse riuscito a fare il calciatore probabilmente sarebbe diventato un macellaio? Lavoro che per altro faceva già, lavoro che lui indica come eventuale professione...e dire che anni dopo sarebbe entrato in politica, nonché collaboratore di reti televisive...ma questa è un'altra storia, ben lontana dal periodo in cui il libro è ambientato, tant'è che nell'ultimo capitolo, dopo un brevissimo intervento di sua moglie, non solo non immagina quale potrebbe essere il suo futuro, ma nemmeno immagina quando lascerà il calcio (e dire che l'Inter lo farà fuori in malo modo al termine della stagione 1987/88).

Un libro da collezionare, peccato solo non contenga tutti i dati aggiornati alla fine della gloriosa carriera, ma come ogni libro giustamente va contemplato e gustato rapportandosi al momento in cui è stato scritto; mi sorprende che la società nerazzurra dopo alcune uscite editoriali di quegli anni, non abbia continuato su questa strada intrapresa, e dire che di Campioni ne sono passati tanti, ci sarebbe stata solo l'imbarazzo della scelta, magari in futuro...

Autore: Gino Bacci e Valberto Miliani
Editore: Pubblicazione Ufficiale dell'Inter
Anno di pubblicazione: 1988

Share:

0 commenti:

Post più popolari