Quando la fede si colora

23/08/09

Delusione a San Siro: INTER-BARI 1-1 (0-0)


Una brutta gara, ci si aspettava di più e di meglio, tanto più che il sorteggio era stato benevolo nei confronti nerazzurri che esordivano in Campionato contro una neopromossa.
La gara è stata condotta dai nerazzurri per gran parte del tempo, con il Bari attento a difendersi ed in cerca di ripartenze ficcanti; peccato solo che tutte le giocate ed il gran giro palla nerazzurro finissero costantemente nel nulla.
Troppi elementi appaiono ancora in ritardo di condizione (è il caso di Maicon ed Eto'o), e nella ripresa sembrava che ogni giocatore cercasse la soluzione personale anziché mettersi al servizio della squadra (Balotelli che ha una tecnica superiore, ma si perde in dribbling ostinati piuttosto che passarla).
Primo tempo con ottime giocate e conclusioni di Milito e Thiago Motta, ma anche con Mourinho costretto a togliere un evanescente Muntari, prima domanda: se il ramadan ed il caldo ne abbassano così palesemente la prestazione, non lo si sapeva prima di impiegarlo, inserendo fin dall'inizio qualcun altro? Dentro Balotelli (largo a destra) e squadra ancor più pericolosa.
Ripresa allo stesso modo del primo con in più il classico errore di Mourinho: fuori Vieira dentro Quaresma (largo a sinistra), si può dire Inter a quattro punte e due centrocampisti, con il risultato che con palla al Bari si aprono buchi e praterie verso Julio Cesar, anche se è vero che si gioca nella metà campo pugliese.
Così, azione di Balotelli, cross per Milito in centro area che controlla e viene steso da dietro: rigore di Eto'o (anche se Milito avrebbe voluto batterlo) che spiazza il portiere; gara in discesa? Tutt'altro, il Bari comincia ad uscire dal guscio ed a giocare, mentre Mourinho per paura che Materazzi ammonito e graziato nel primo tempo possa farsi espellere inserisce Cordoba.
Eto'o tutto solo in area, ben servito sbaglia un gol già fatto, eh... chi sbaglia paga: azione veloce del Bari, Lucio è fuori posizione, Kutuzov a tu per tu con Julio Cesar lo batte con precisione.
Si attende la reazione nerazzurra che invece non avviene, ed il Bari sogna e rischia il colpo grosso: prima Julio Cesar si supera, poi i limiti tecnici di qualche giocatore barese salvano l'Inter. Pari giusto, il Bari non ha rubato nulla.
Personalmente ho visto un grandissimo Milito anche se ho avuto l'impressione che lui ed Eto'o su molti palloni vadano a pestarsi i piedi, stessa considerazione a centrocampo tra Stankovic e Thiago Motta, a volte sembrano doppioni; è stata una gara simil Lazio: sbagli in attacco gol già fatti (Eto'o in entrambi i casi) e quando buchi dietro (Lucio è molto elegante, preciso e prestante, ma in ogni partita concede almeno due occasioni agli avversari) becchi inesorabilmente.
Niente drammi: cominciamo con il nostro 1-1 che negli ultimi anni ha portato al tricolore finale, che la cabala sia dalla nostra anche sta volta?


Marcatori: 56' Eto'o (rig.), 74' Kutuzov.

Inter: 12 Julio Cesar, 13 Maicon, 6 Lucio, 23 Materazzi (61' 2 Cordoba), 4 Zanetti, 11 Muntari (28' 45 Balotelli), 14 Vieira (46' 7 Quaresma), 8 Thiago Motta, 5 Stankovic, 22 Milito, 9 Eto'o.
A disposizione: 1 Toldo, 26 Chivu, 30 Mancini, 39 Santon.
Allenatore: José Mourinho.

Bari: 1 Gillet, 5 Masiello A., 13 Ranocchia, 19 Bonucci, 21 Parisi, 90 Alvarez, 9 De Vezze, 14 Gazzi (92' 27 Stellini), 30 Allegretti (57' 23 Langella), 99 Sforzini (60' 7 Rivas), 20 Kutuzov.
A disposizione: 25 Padelli, 4 Carobbio, 17 Masiello S., 18 Greco.
Allenatore: Giampiero Ventura.

Ammoniti: Vieira, Materazzi, Langella, Masiello, Stankovic.

Arbitro: Carmine Russo (Nola).


Si ringrazia il sito Inter.it per aver autorizzato la riproduzione dell'immagine.
Share:

0 commenti:

Post più popolari