Quando la fede si colora

18/05/09

INTER-SIENA 3-0 (1-0)

Difficile interpretare un incontro dopo che la sera prima si è diventati CAMPIONI D'ITALIA per la quarta volta di fila, e si è fatta baldoria fino all'alba.
Ebbene l'Inter è abituata a stupire e ha fatto partita vera con tanto di gol, vittoria, risultato, spettacolo e tanti saluti.
Mourinho schiera Julio Cesar tra i pali, difesa da destra a sinistra con Zanetti, Cordoba, Samuel e Chivu, centrocampo con Stankovic, Cambiasso e Muntari, con Figo in appoggio a Balotelli e Ibrahimovic.
Il Siena (ormai salvo) parte bene e dopo tre minuti chiama al miracolo Julio Cesar; l'Inter risponde subito, senza però impegnare il portiere ospite; Ibrahimovic si danna (vuole la classifica dei marcatori), ma per un motivo o l'altro non si arriva mai in porta.
La partita si trascina stancamente per tutto il primo tempo, il Siena attende impassibile, mentre i nerazzurri al primo vero tiro in porta passano comunque meritatamente in vantaggio (quantomeno per la supremazia di gioco): minuto 44', Balotelli crossa su punizione dalla fascia sinistra, Ibra tocca appena, il portiere smanaccia al limite, dove Stankovic si coordina e spara in porta un preciso destro, ancora il portiere riesce a respingere, ma Cambiasso in agguato appoggia in rete con una girata di sinistro.
Dopo soli sette minuti nella ripresa, l'Inter chiude il match: Stankovic recupera palla e l'appoggia a Figo che lancia in maniera esemplare, da manuale del calcio Balotelli dalla parte opposta, il centravanti controlla e si invola, entra in area da sinistra, dribbla il portiere in uscita e di esterno destro deposita il pallone nella porta sguarnita.
Figo lascia il posto a Santon con Zanetti che avanza a centrocampo, mentre Ibra spazientito da SuperMario “reo” di non avergli passato il pallone in occasione del 2-0 (avrebbe sbagliato) chiede il cambio in più occasioni.
Come i nerazzurri si rilassano, il Siena riesce a colpire un palo, seguito pochi istanti dopo da un altro legno; nel mezzo Mourinho sostituisce Balotelli (ovazione del pubblico) con Mancini.
E proprio l'ultimo entrato, in un'azione di contropiede (5 nerazzurri contro due bianconeri) al 76' porge il pallone ad Ibra per il diagonale del 3-0 (rete numero 22 in campionato, ad una sola lunghezza dal capocannoniere).
Orlandoni esordisce stagionalmente e si mette subito in mostra con una parata da strappapplausi, ed ancora Ibra come nell'azione della rete buca clamorosamente il poker, seguito poco dopo da un siluro di Zanetti che dopo una delle sue discese colpisce Muntari.
Che dire, il match non aveva vero scopo, ma giusto era onorare la vittoria del tricolore con un'altra vittoria...a proposito, la seconda ora dista ben dieci lunghezze.

Marcatori: 44' Cambiasso, 53' Balotelli, 76' Ibrahimovic.

Inter: 12 Julio Cesar (78' 22 Orlandoni), 4 Zanetti, 2 Cordoba, 25 Samuel, 26 Chivu, 5 Stankovic, 19 Cambiasso, 20 Muntari, 7 Figo (62' 39 Santon), 8 Ibrahimovic, 45 Balotelli (74' 45 Mancini).
A disposizione: 11 Jimenez, 14 Vieira, 16 Burdisso, 23 Materazzi.
Allenatore: José Mourinho.

Siena: 85 Curci, 20 Ficagna, 90 Portanova, 15 Brandao, 30 Del Grosso, 8 Vergassola, 5 Codrea (46' 35 Coppola), 14 Galloppa, 10 Kharja (46' 23 Jarolim), 11 Calaiò, 18 Ghezzal.
A disposizione: 46 Manitta, 13 Rossettini, 17 Amoruso, 21 Rossi, 32 Maccarone.
Allenatore: Marco Giampaolo.

Arbitro: Mauro Bergonzi (Genova).


Si ringrazia il sito Inter.it per aver autorizzato la riproduzione delle immagini.
Share:

0 commenti:

Post più popolari