Quando la fede si colora

03/05/09

INTER-LAZIO 2-0 (0-0)

Dopo tre partite senza successi, l'Inter ritrova la vittoria “scacciacrisi” battendo 2-0 la Lazio e riportando un po' di serenità.
Mourinho considerate le assenze per squalifica di Stankovic e Balotelli torna al 4-3-3 schierando Julio Cesar in porta, Santon terzino destro e Chivu terzino sinistro (Maxwell relegato in tribuna), Cordoba e Samuel centrali di difesa, Zanetti, Cambiasso e Muntari in mediana, con Figo e Mancini esterni di fascia a dar man forte a Ibrahimovic unica punta.
E' l'Inter che fa gioco e dopo trenta secondi, il primo tiro di Ibrahimovic è deviato in angolo, poi segue un tiro fuori di Mancini e un cross pericoloso di Figo che lisciano tutti, portiere compreso.
Sembra che la partita sia giocata ad una sola porta e con la giusta intensità, invece poco a poco l'incontro si spegne, giocando pressoché a centrocampo, la Lazio effettua due tiri del tutto velleitari su cui Julio Cesar nemmeno si spreca, mentre l'Inter spreca due ottime occasioni con Ibra che su assist si Figo manda di poco a lato di testa e Muntari che di testa anticipa tutti ma manda fuori.
Nella ripresa dopo dieci minuti Mourinho sostituisce Mancini con Crespo e Santon con Vieira, arretrando Zanetti a fare il terzino e tornando al 4-4-2 e dopo quattro minuti arriva l'1-0: Ibrahimovic ben lanciato ed attorniato da avversari, controlla, entra in area da sinistra, dribbla e spara un siluro (circa 105 chilometri orari) di destro nell'angolo opposto.
Peccato solo che lo svedese si lasci andare ad ampi gesti nei confronti del pubblico che pochi minuti prima in un'azione pressoché uguale, lo aveva bacchettato per aver perso palla in malo modo.
L'Inter controlla e continua a cercare la via della rete che arriva puntuale al minuto 70': Muntari recupera palla nella nostra metà campo e la porge ad Ibra, che giostra palla al piede sulla tre quarti e quando la Lazio prepara il fuorigioco lancia verticalmente ancora Muntari che sullo scatto si presenta in area da solo, e senza nemmeno controllare batte di prima di sinistro facendo 2-0 (Ibrahimovic ancora fa gesti al pubblico...)
La Lazio continua a non esistere, Samuel e Cordoba impediscono a Julio Cesar di sporcarsi i guanti, Burdisso rileva Muntari (Zanetti torna a centrocampo) e prima della fine si rischia il 3-0 con Chivu (di poco fuori) e Ibra (parato dal portiere).
Prima della fine lo svedese fa in tempo anche a farsi ammonire (scaramucce con Matuzalem) saltando così la prossima trasferta a Verona (Chievo) essendo diffidato.
Un piccolo passo in avanti verso il titolo finale, nella peggiore delle ipotesi restano sette punti di distacco sulla seconda a quattro giornate dalla fine, avanti così.

Marcatori: 59' Ibrahimovic, 70' Muntari.

Inter: 12 Julio Cesar, 39 Santon (56' 14 Vieira), 2 Cordoba, 25 Samuel, 26 Chivu, 4 Zanetti, 19 Cambiasso, 20 Muntari (74' 16 Burdisso), 7 Figo, 8 Ibrahimovic, 33 Mancini (56' 18 Crespo).
A disposizione: 1 Toldo, 9 Cruz, 11 Luis Jimenez, 23 Materazzi.
Allenatore: José Mourinho.

Lazio: 86 Muslera, 32 Radu (73' 2 Lichtsteiner), 13 Siviglia, 22 Rozenhal, 3 Kolarov, 5 Brocchi, 24 Ledesma, 8 Matuzalem, 81 Del Nero (63' 17 Foggia), 18 Rocchi, 10 Zarate (75' 20 Kozak).
A disposizione: 1 Carrizo, 23 Meghni, 29 De Silvestri, 68 Manfredini.
Allenatore: Delio Rossi.

Ammoniti: Samuel, Del Nero, Vieira, Ibrahimovic, Matuzalem, Ledesma, Chivu.

Arbitro: Paolo Tagliavento (Terni).


Si ringrazia il sito Inter.it per aver autorizzato la riproduzione delle immagini.
Share:

0 commenti:

Post più popolari