Quando la fede si colora

17/04/09

Aspettando Juventus-Inter

Anticipo della 32^ (13a di ritorno) giornata di Campionato, con l'Inter che alle ore 20,30 allo Stadio Olimpico di Torino affronterà la Juventus, per la cui gara Mourinho ha convocato i seguenti 21 giocatori:

Portieri: 1 Francesco Toldo, 12 Julio Cesar, 22 Paolo Orlandoni.

Difensori: 2 Ivan Ramiro Cordoba, 6 Maxwell, 16 Nicolas Burdisso, 23 Marco Materazzi, 25 Walter Samuel, 26 Christian Chivu, 39 Davide Santon.

Centrocampisti: 4 Javier Zanetti, 5 Dejan Stankovic, 7 Luis Figo, 14 Patrick Vieira, 19 Esteban Cambiasso, 20 Sulley Muntari.

Attaccanti: 8 Zlatan Ibrahimovic, 9 Julio Ricardo Cruz, 18 Hernan Crespo, 21 Victor Obinna, 45 Mario Balotelli.

Le assenze nerazzurre si sono arricchite in settimana di una new entry: oltre al desaparecidos Adriano (ancora non si è scoperto nulla riguardo al suo futuro), ed ai soliti infortunati Maicon, Jimenez, Bolzoni, e Mancini, si è aggiunto Rivas, che in allenamento si è procurato una lesione al legamento collaterale interno, per lui stagione finita e speriamo anche carriera nerazzurra terminata.
Siamo alla partita delle partite, la seconda, staccata di 10 punti dalla Capolista Inter, tenterà il tutto per tutto per accorciare le distanze e mantenere viva la speranza Scudetto ormai remota.
Oltre a questo c’è il solito scontro storico tra le due grandi, arricchito negli ultimi anni dai fatti di calciopoli che hanno di fatto tolto uno dei tanti scudetti rubati dalla Juve per andare a porlo sulle maglie nerazzurre.
Come dire di episodi da contrasto tra le due società ce ne sono di tutti i tipi e di tutti i livelli, dalal dirigenza, agli allenatori, tifosi, giocatori,…
Mourinho recupera Julio Cesar tra i pali, e la difesa dopo gli errori della gara contro il Palermo dovrebbe vedere il rientro di Samuel centrale in coppia con Chivu, Santon tornerebbe a sinistra e a destra o l’arretramento di Zanetti, oppure a sorpresa uno tra Burdisso e Cordoba (in effetti le soluzioni sono molteplici, che dire di Santon a destra, Chivu a sinistra e Cordoba Samuel centrali?); nella prima delle ipotesi centrocampo con Vieira, Cambiasso, Stankovic e Muntari, altrimenti quello tipo; davanti coppi confermata Ibrahimovic e Balotelli (ma occhio alle sorprese: Figo? Crespo? Cruz?), staremo a vedere impazienti.
L’Inter ha a disposizione due opzioni di risultato (vittoria e pareggio), anche se i bianconeri saranno di sicuro agguerriti; sembra di assistere al solito incontro decisivo, uno di quelli che tanto per intendere i nerazzurri steccano regolarmente (Manchester dice nulla?), non è giunto il momento di dettare legge anche quando la partita è una partita vera? Una di quelle che si deve vincere a tutti i costi, quasi fosse la classica partita da dentro o fuori di Champions, così come dovrebbe obbligatoriamente essere il match di Ibrahimovic, mai decisivo e mai incisivo in questo tipo di incontro, per non parlare del fatto che quando incontra i bianconeri di Torino non segna e non vede la porta nemmeno con il binocolo.
Massima fiducia comunque, anche perché la partita steccata c’è già stata (2-2 a San Siro con il Palermo dopo il 2-0 iniziale!), poi se dobbiamo proprio fare un confronto tra le due squadre, dai giocatori agli allenatori, non c’è paragone…potrebbe essere il match oltre del già citato ex di lusso Ibra (che si svegli nelle partite che contano e non solo contro le cosiddette squadrette) anche di Stankovic, l’uomo ideale con le sue caratteristiche percussioni adatto a far saltare la difesa bianconera.


Si ringrazia il sito Inter.it per aver autorizzato la riproduzione dell'immagine.
Share:

0 commenti:

Post più popolari