Quando la fede si colora

05/03/09

SAMPDORIA-INTER 3-0 (3-0)

L'Inter saluta la Coppa Italia con una partita ridicola, neppure tra scapoli e ammogliati si vedono gli errori, ops gli orrori messi in mostra dalla squadra nerazzurra nella Semifinale d'andata.
Mourinho viste le numerose assenze pensa bene di aggiungerne altre con ulteriore turnover relegando Cambiasso, Stankovic e Maicon in panchina e schierando l'undici iniziale con Toldo in porta, Rivas terzino destro, Maxwell terzino sinistro, Cordoba e Materazzi centrali difensivi; Zanetti, Vieira e Muntari a centrocampo con Mancini dietro le due punte: Adriano e Balotelli.
Pronti via e al primo minuto Mancini effettua un diagonale velenoso che si spegne sull'esterno della porta doriana, è solo un fuoco di paglia.
L'Inter è in campo, ma non sembra, i giocatori continuano a far girare palla senza la giusta convinzione, voglia e tenacia; così al 9' minuto i padroni di casa passano in vantaggio: Rivas cincischia al limite dell'area con il pallone tra i piedi, Cassano capisce l'imbarazzo del colombiano, gli soffia il pallone come con un poppante e batte Toldo in uscita.
I nerazzurri non si scompongono e ricominciano con lo stesso spirito di prima, mantenendo palla, ma senza mai rendersi pericolosi, mentre i blucerchiati contrattaccano di rimessa, come al 29' con Cassano che costringe dal limite Toldo in angolo (l'unica parata di tutta la partita)...peccato che sull'angolo la difesa si dimentica di marcare lasciando ben tre giocatori liberi davanti a Toldo, con Pazzini che di testa fa il 2-0 facile facile.
Al 42' è ancora Pazzini a realizzare: Cassano fa quello che vuole ed effettua un lancio filtrante diagonale, su cui tutta la difesa sta ancora a guardare, il diagonale di Padalino è smanacciato da Toldo, la difesa è ancora impreparata e Pazzini realizza il tap in del 3-0, che sberla, sembra di assistere ad una gara del Milan con le belle statuine schierate in difesa (non che il centrocampo faccia di meglio).
Mourinho corre ai ripari e la ripresa si apre con Maicon al posto di Rivas (mandatelo VIA!), la Doria non supera più la metà campo e l'Inter spreca e sbaglia tutte le occasioni che le capitano.
Il paradosso si tocca al 60' minuto quando i padroni di casa restano in dieci per l'espulsione di Gastaldello (già ammonito prosegue imperterrito con entrate da fabbro), entrano Obinna per Balotelli (da pirla va a schiantarsi contro il palo) e Crespo per Maxwell e nonostante la superiorità numerica e tutti gli attaccanti in campo nemmeno un risicato gol.
La musica non cambia, il portiere locale para anche l'impensabile, la mira è quello che è e il risultato non cambia restando fisso sul 3-0.
Impensabile, se la Sampdoria avesse meritato non ci sarebbe nulla da eccepire, ma la gara è stata risolta dai nerazzurri, con i loro errori e la poca voglia di giocare.
Se si doveva uscire dalla Coppa Italia (il 22 aprile è previsto il ritorno a Milano, ma appare impensabile il ribaltamento del risultato) bastava perdere 1-0 e fare 0-0 in casa, non ridicolizzarsi in questo modo, era proprio necessario andare a fare gita a Genova?
Mourinho & company hanno finalmente reso felice il resto del Mondo che aspettava questo momento dall'inizio della stagione, speriamo sia l'unica volta in cui potranno festeggiare.

Marcatori: 9' Cassano, 30' e 42' Pazzini.

Sampdoria: 1 Castellazzi, 16 Campagnaro (74' 77 Da Costa), 28 Gastaldello, 84 Raggi, 20 Padalino, 21 Sammarco, 17 Palombo, 19 Franceschini, 46 Pieri, 10 Pazzini (65' 23 Stankevicius), 99 Cassano (85' 11 Bellucci).
A disposizione: 90 Fiorillo, 3 Ziegler, 29 Ferri, 88 Dessena.
Allenatore: Vittorio Russo (Walter Mazzarri squalificato).

Inter: 1 Toldo, 2 Cordoba, 23 Materazzi, 24 Rivas (46' 13 Maicon), 4 Zanetti, 14 Vieira, 20 Muntari, 6 Maxwell (60' 18 Crespo), 33 Mancini, 10 Adriano, 45 Balotelli (63' 21 Obinna).
A disposizione: 22 Orlandoni, 5 Stankovic, 11 Jimenez, , 19 Cambiasso.
Allenatore: José Mourinho

Ammoniti: Gastaldello, Cordoba, Balotelli, Materazzi, Zanetti.

Espulsi: Gastaldello.

Arbitro: Massimiliano Saccani (Mantova).


Si ringrazia il sito Inter.it per aver autorizzato la riproduzione dell'immagine.
Share:

0 commenti:

Post più popolari