Quando la fede si colora

02/03/09

INTER – ROMA 3-3 (0-2)

Amala, pazza Inter amala… da 0-2 a 1-3 per finire sul 3-3, partita pazza, di una squadra pazza, una partita che doveva vincere, e che per fortuna è riuscita a recuperare; ora i punti sulla seconda sono così scesi a sette punti.
Nell’Inter c’è più di una sorpresa: Julio Cesar in porta, difesa da destra a sinistra con Maicon, Cordoba, Burdisso e Santon, centrocampo con la classica disposizione con Zanetti, Cambiasso, Stankovic e Maxwell (schierato al posto di Muntari assente anche in panchina), Adriano e Balotelli in attacco con Ibrahimovic in panchina non in perfette condizioni, a tal punto che all’ultimo minuto è stato convocato e portato in panchina anche Hernan Crespo.
La partita inizia subito con la Roma all’attacco, punizione, angolo, tiri, senza ottenere tra l’altro nulla, poi anche l’Inter si sveglia e comincia a creare occasioni da rete: Zanetti da fuori area e para il portiere; Maxwell da centro area a lato dopo pregevole azione di Santon; si assiste ad un continuo batti e ribatti, azione e tiro della Roma e risposta immediata nerazzurra.
Quando poi l’Inter prende in mano la situazione, batte tre angoli di fila, Cambiasso ed Adriano obbligano il portiere giallorosso a parate difficili, è la Roma a passare in vantaggio: azione veloce al minuto 22’, cross di Motta che si era bevuto Santon e De Rossi anticipa di testa Zanetti da centro area, palo e gol dalla parte opposta.
L’Inter non reagisce, la Roma gioca con tranquillità andando al raddoppio clamorosamente dopo sei minuti dallo 0-1: 29’ lancio di Panucci da centrocampo, Maicon è sorpreso, Riise arriva fin sul fondo del campo e tira verso Julio Cesar in uscita che devia nella propria porta, 0-2; da notare che un minuto prima (28’) Riise era giunto nei pressi di Julio Cesar allo stesso modo, con Maicon saltato con un lancio uguale, la stessa azione due volte di fila!!!
L’Inter non reagisce per niente e la Roma con un ottimo giro palla riesce a terminare il primo tempo senza particolari patemi.
La ripresa si apre con Figo al posto di Maxwell e Vieira per Burdisso, con Cambiasso che va a fare il centrale difensivo in coppia con Cordoba, ed al 50’ minuto il match si riapre con la rete dell’1-2 nerazzurra: lancio da centrocampo di Figo in verticale per Adriano, che controlla il pallone, lo difende dall’attacco di due difensori e lo porge allo smarcato Balotelli che appena in area scarica in rete un preciso destro che batte il portiere ospite.
L’Inter ci crede e continua ad attaccare, Stankovic scarica una bomba che il portiere giallorosso devia in angolo, ed al minuto 56’ inaspettatamente la Roma fa l’1-3: palla centrale per Baptista che con mestiere (forse fallo) beffa Cambiasso, apre una superstrada per Brighi che entra in area seguito da Zanetti e Cordoba e realizza con Julio Cesar incolpevole.
Sembra veramente finita, invece l’Inter che non t’aspetti (anzi l’Inter che vorresti sempre) ritorna a macinare gioco ed al 60’ Balotelli si conquista un prezioso e malizioso calcio di rigore tra le proteste romaniste: lanciato in fascia converge tra tre maglie giallorosse, salta il primo e nel contrasto con gli altri due cade in area, non lasciando dubbi all’arbitro che indica prontamente il dischetto (dopo moviole e contro moviole ancora resta il dubbio che Mario se lo sia conquistato furbescamente).
L’Inter attacca come forsennata, cross di Figo e rovesciata volante alta di Balotelli; Mourinho cambia Stankovic con Crespo, rischiando il tutto per tutto, ed è proprio Crespo, dopo solo un minuto a fare il 3-3: minuto 78’, cross da sinistra di Figo e stacco imperioso di Crespo che beffa tutti. Passano tre minuti e la premiata ditta Figo-Crespo si ripete, il pallone termina di poco alto.
La partita nerazzurra termina qui, forse perché paghi del risultato riacciuffato per i capelli, o forse perché si assiste al ritorno della Roma che cerca il colpo; così gli ultimi minuti sono tutti giallorossi che sprecano occasioni anche plateali per portare a casa il risultato.
Termina in parità, risultato a mio modo giusto, con l’Inter apparsa un po’ “distratta” come nel match con il Manchester, si potrebbe cominciare a giocare da subito e non attendere le sfuriate degli avversari, in coppa non si sono subite reti, cosa non avvenuta quest’oggi, per poi cominciare a produrre gioco e occasioni da rete.

Marcatori: 22' De Rossi, 29' Riise, 50’ Balotelli, 56’ Brighi, 62’ Balotelli (rig.), 78’ Crespo.

Inter: 12 Julio Cesar, 13 Maicon, 2 Cordoba, 16 Burdisso (46’ 14 Vieira), 39 Santon, 4 Zanetti, 19 Cambiasso, 6 Maxwell (46’ 7 Figo), 5 Stankovic (76’ 18 Crespo), 45 Balotelli, 10 Adriano.
A disposizione: 1 Toldo, 23 Materazzi, 33 Mancini, 8 Ibrahimovic.
Allenatore: José Mourinho.

Roma: 32 Doni, 13 Motta, 5 Mexes, 2 Panucci, 17 Riise, 11 Taddei, 16 De Rossi, 33 Brighi, 7 Pizarro, 19 Baptista, 9 Vucinic (76’ 24 Menez).
A disposizione: 25 Arthur, 3 Cicinho, 21 Diamoutene, 14 Filipe, 23 Montella, 40 Malomo.
Allenatore: Luciano Spalletti.

Ammoniti: Zanetti, Pizarro, Stankovic, De Rossi, Riise, Vieira.

Arbitro: Nicola Rizzoli (Bologna).


Si ringrazia il sito Inter.it per aver autorizzato la riproduzione delle immagini.
Share:

0 commenti:

Post più popolari