Quando la fede si colora

25/02/09

INTER – MANCHESTER UNITED 0-0

Dopo tanta attesa, con uno stadio gremito in ogni suo ordine di posto, finisce 0-0 l’andata degli Ottavi di Finale di Champions League allo Stadio Meazza tra Inter e Manchester United, i detentori del trofeo (tra l’altro anche Campioni del Mondo in carica).
Mourinho non fa particolari sorprese e schiera Julio Cesar in porta, Maicon Chivu, Rivas e Santon (esordio assoluto in Champions) in difesa, Zanetti, Cambiasso, Stankovic e Muntari a centrocampo, Ibrahimovic e Adriano attaccanti.
Si capisce subito che sarà una gara di sofferenza nerazzurra: al 3’ minuto Julio Cesar para senza problemi la prima punizione ospite, ma al 6’ compie il primo miracolo su colpo di testa del Pallone D’Oro Ronaldo.
L’Inter fatica a fare gioco e meno ancora a trovare la via della rete, ci prova Stankovic da fuori, ma il pallone termina alto; è il Manchester che gioca, l’Inter un po’ troppo contratta si limita ad un pressing alto per far sbagliare gli inglesi, che dal canto loro continuano a sciorinare azioni, che portano almeno altre due volte ad impegnare severamente Julio Cesar, come nel caso del “buco2 clamoroso di Rivas a cui rimedia il portiere in serata di grazia.
Per tutto il primo tempo il portiere ospite a differenza del nerazzurro non tocca mai il pallone.
Nella ripresa Mourinho inserisce Cordoba per l’inguardabile Rivas, e i nerazzurri appaiono molto più convinti che nel primo tempo dove sembravano imbambolati di fronte ai campioni della passata stagione: al 3’ minuto la migliore occasione per l’Inter, cross da sinistra di Cambiasso, velo di Ibrahimovic e tiro in porta di Adriano che termina di poco alto; 6’ minuto tiro da circa 25 metri di Stankovic di poco a lato.
Come i nerazzurri tirano il fiato, i red devils si ritrovano pericolosamente in area avversaria: 31’ Cordoba salva su Giggs ormai solo davanti a Julio Cesar, che già era stato costretto ad un uscita avventurosa e spettacolare di piede fuori area.
Mourinho ad un quarto d’ora dalla fine inserisce Cruz per Adriano e Balotelli per Muntari cercando il colpo della vittoria, ma solo da rimpallo su angolo, con carambola di Cambiasso riesce ad impegnare il portiere ospite.
Dopo l’ennesimo tiro parato da Julio Cesar, il match si chiude al minuto 93’ con una punizione per gli ospiti, l’ultimo brivido della serata: batte Ronaldo ed ancora Julio respinge.
Analizzando la gara, primo tempo nettamente per il Manchester e ripresa un po’ meglio per l’Inter, ma se si guarda il tabellino delle occasioni da rete e le parate dei due portieri non c’è stata partita, mettiamola così se fosse stato un match di pugilato sarebbe andato al Manchester vincitore ai punti.
Un po’ poco per quest’Inter, adesso si attenderà il match di ritorno…forse a tremare di più saranno i campioni d’Inghilterra, un gol in trasferta vale doppio…
Resta comunque una soddisfazione, non aver preso reti e alla faccia di tutti quelli che aspettavano gufandoci contro non siamo stati massacrati dai più accreditati rivali.

Inter: 12 Julio Cesar, 13 Maicon, 24 Rivas (46’ 2 Cordoba), 26 Chivu, 39 Santon, 4 Zanetti, 19 Cambiasso, 20 Muntari (76’ 9 Cruz), 5 Stankovic, 8 Ibrahimovic, 10 Adriano (76’ 45 Balotelli).
A disposizione: 1 Toldo, 6 Maxwell, 7 Figo, 16 Burdisso;
Allenatore: José Mourinho.

Manchester United: 1 Van Der Sar, 22 O' Shea, 5 Ferdinand, 23 Evans, 3 Evra, 13 Park (84’ 10 Rooney), 24 Fletcher, 16 Carrick, 11 Giggs, 9 Berbatov, 7 Ronaldo.
A disposizione: 12 Foster, 32 Tevez, 18 Scholes, 28 Gibson, 20 Fabio Da Silva, 17 Nani.
Allenatore: Alex Ferguson.

Ammoniti: Toldo, Chivu, Maicon, Fletcher, Rooney, Cordoba.

Arbitro: Luis Medina Cantalejo (Spagna).



Si ringrazia il sito Inter.it per aver autorizzato la riproduzione dell'immagine.
Share:

0 commenti:

Post più popolari