Quando la fede si colora

22/02/09

BOLOGNA-INTER 1-2 (0-0)

L’Inter procede la sua marcia spedita e passa a Bologna con il risultato di 2-1…ed ora può concentrarsi sul match con il Manchester United di Champions League.
La sorpresa della giornata nerazzurra è l’infortunio nel riscaldamento di Samuel (speriamo possa farcela per martedì), per cui Josè Mourinho schiera Julio Cesar tra i pali, Maicon, Cordoba, Rivas e Santon in difesa, Zanetti, Cambiasso, Muntari e Maxwell a centrocampo, Ibrahimovic ed Adriano di punta; quindi viste le assenze per squalifica di Chivu e Burdisso e di Materazzi e Samuel per infortunio, la coppia centrale è colombiana Cordoba – Rivas, mentre a centrocampo Maxwell rileva Stankovic (turnover) con Muntari che si schiera nella posizione del serbo, ovvero dietro le punte.
Per tutto il primo tempo il gioco è tutto nerazzurro, con il Bologna tutto arroccato in difesa, infati tute le occasioni sono dell’Inter: Ibrahimovic ha tre occasioni, due volte è bravo il portiere bolognese, su di una lo svedese sbaglia di testa in malo modo un preciso cross di Maicon; Santon scende sulla fascia ed al limite dell’area spara un preciso fendente su cui l’estremo difensore rossoblu ancora si supera; Muntari su invito di Ibra tutto solo calcia in corsa alle stelle.
Il Bologna che assiste al monologo nerazzurro, cerca d’agire di rimessa ed in due occasioni impegna severamente Julio Cesar, prima con un tiro da fuori area respinto con i pugni, poi con un velenoso cross su cui il brasiliano effettua una precisa e spettacolare uscita.
Nella ripresa Stankovic rileva Muntari ed al 57’ l’Inter passa meritatamente in vantaggio: angolo di Maicon, testa di Adriano per Cambiasso appostato sul secondo palo, che tutto solo stoppa e di destro manda il pallone in rete.
Ci si aspetta la reazione del Bologna, invece è ancora l’Inter ad imperversare rendendosi pericolosa con conclusioni di Ibra ed Adri su cui il portiere vigila bene.
Così quando ormai tutti pensano ad uno 0-1 finale, i padroni di casa trovano la rete del pareggio: minuto 79’ da calcio d’angolo Britos stacca da centro area ed indirizza un diagonale sul secondo palo, il pallone rimbalza sul terreno e beffa Cambiasso appostato proprio sul palo (a quel punto avrebbe potuto intervenire solo di mano).
Mourinho che da poco aveva inserito Vieira per Adriano, toglie Maxwell ed inserisce Balotelli.
E proprio Balotelli risolve l’incontro: all’82’ batte una punizione da sinistra (circa tre quarti di campo), si tratta di un cross verso l’area, nessuno riesce a toccare il pallone, il portiere è beffato dalla strana traiettoria…e Mario può esultare per il clamoroso gol.
Non succede nulla fino al terzo minuto di recupero, quando Julio Cesar deve superarsi con un super intervento salva – match su di un preciso colpo di testa di Di Vaio, sarebbe stato un gol beffa.
L’Inter prosegue il suo percorso con una gara caparbia, con una vittoria voluta, frutto anche di una seria concentrazione, contro una squadra difficile come il Bologna di Sinisa Mihajlovic (prima dell’incontro tutta la squadra nerazzurra è passata in panchina a salutare un caro amico come Sinisa, all’Inter fino alla passata stagione).

Marcatori: 57’ Cambiasso, 79’ Britos, 82’ Balotelli.

BOLOGNA: 1 Antonioli, 21 Zenoni, 18 Moras, 6 Britos, 23 Lanna, 7 Valiani (86’ 41 Marazzina), 26 Mudingayi, 8 Mingazzini, 5 Volpi, 10 Bombardini (78’ 20 Adailton), 9 Di Vaio.
A disposizione: 15 Colombo, 84 Balleri, 19 Terzi, 25 Mutarelli, 4 Amoroso.
Allenatore: Sinisa Mihajlovic.

INTER: 12 Julio Cesar, 13 Maicon, 2 Cordoba, 24 Rivas, 39 Santon, 4 Zanetti, 19 Cambiasso, 6 Maxwell (81’ 45 Balotelli), 20 Muntari (46’ Stankovic), 8 Ibrahimovic, 10 Adriano (78’ Vieira).
A disposizione: 1 Toldo, 33 Mancini, 7 Figo, 9 Cruz.
Allenatore: José Mourinho.

Ammoniti: Moras, Zenoni, Rivas.

Arbitro: Nicola Ayroldi (Molfetta).


Si ringrazia il sito Inter.it per aver autorizzato la riproduzione delle immagini.
Share:

0 commenti:

Post più popolari