Quando la fede si colora

26/01/09

Pagelle Inter-Sampdoria

Stankovic 7,5: il migliore, si vede che è in forma, lotta su ogni pallone, tira da ogni posizione, gioca e distribuisce palloni; la traversa su splendida conclusione gli nega la gioia del gol, l’unica cosa che gli è mancata.

Adriano 7: realizza il gol partita e si dimostra disposto a lottare come non mai e con la giusta rabbia agonistica; la speranza è che prosegua con il lavoro, non si monti la testa e resti un professionista.

Maicon 7: torna a giocare sui livelli a cui ha abituato i tifosi, suo tra l’altro l’azione e l’assist per il gol di Adriano.

Samuel e Chivu 6,5: impeccabili, insuperabili, mai una sbavatura, peccato che il destino sia uguale anche nella sfortuna: entrambi terminano in anticipo l’incontro per infortunio.

Cambiasso 6,5: il solito generoso, su ogni pallone a centrocampo, poi quando esce Chivu, si ricicla in difesa senza sbagliare nulla e tenendo ottimamente la posizione.

Cordoba 6,5: gioca la ripresa al posto di Samuel infortunato, quasi ai suoi standard, con un recupero eccezionale sull’attaccante lanciato a tu per tu con Julio Cesar.

Julio Cesar 6,5: resta inoperoso per quasi tutta la partita, poi da vero campione compie due interventi salvarisultato.

Zanetti 6: tiene bene la posizione coprendo le avanzate di Maicon ed effettua una gara normale.

Santon 6: non riesce a ripetere l’exploit di mercoledì, comunque non tradisce le aspettative…certo dovrà crescere, ma è giusto insistere su di lui.

Muntari 5,5: non riesce ad essere incisivo, forse a causa anche del taglio in testa del primo tempo.

Mancini 5: peccato, forse ha dovuto giocare in una posizione a lui poco congegnale, ci ha provato, senza per altro mai riuscire ad entrare in partita ed ad incidere.

Figo s.v.

Maxwell s.v

Mourinho 6,5: Mancini a parte, formazione ben messa, cambi azzeccati (anche perché quasi tutti obbligatori), protagonista dell’espulsione per proteste (generosa), ma ne ha tutte le ragioni del Mondo: l’arbitro ha permesso di tutto ai doriani. Anche a fine gara non le manda a dire. Ben fatto!


Si ringrazia il sito Inter.it per aver autorizzato la riproduzione dell'immagine.
Share:

1 commenti:

Anonimo ha detto...

Santon meritava di più solo per il fatto che ogni tanto da bravo giovanotto dava uno sguardo a Figo per controllare che non ci lasciasse le penne....quel pover'uomo correva troppo, ha rischiato, ormai deve capire che ha una certa età. Dopo il the caldo e la purea di frutta dell'intervallo entra in campo appesantito...e non si fa ^___^

Post più popolari