Quando la fede si colora

14/01/09

Pagelle Inter-Genoa

Maicon 7: il migliore, le sue progressioni sulla fascia sono state a dir poco devastanti, immarcabile.

Ibrahimovic 7: entra in campo a pochi minuti dal termine ed incide: un siluro respinto dal portiere è ribadito in rete da Cambiasso, poi inventa un gol magia in stile Ibracadabra.

Chivu 6,5: splendida gara davanti alla difesa, recupera e gioca una marea di palloni, avanti così.

Zanetti 6,5: come nella gara contro il Cagliari torna a proporsi anche in fase d’attacco, con conclusioni sventate di un soffio dal portiere ospite, meritava miglior sorte.

Samuel 6,5: il solito muro invalicabile, sfortunato nel rimpallo che da il via al gol del pareggio ligure.

Maxwell 6,5: tanti slanci, cross e belle giocate.

Crespo 6: combatte come un ossesso, gli manca solo il gol, cala vistosamente nel finale.

Burdisso 6: avrebbe potuto anche starsene seduto in mezzo al campo, poco lavoro e svolto bene.

Obinna 6: molto movimento, corre come un dannato, peccato che sia piuttosto scarso.

Cambiasso 5,5: ha il merito di realizzare il gol del 2-1, ma pochi minuti prima ha sbagliato un gol già fatto.

Adriano 5,5: sbaglia un rigore in maniera clamorosa, realizza da vero bomber il gol del vantaggio, ma appare ancora lontano dalla migliore condizione.

Jimenez 5: dovrebbe inventare e far girare la squadra, pochi spunti, pochi numeri, poche proponimenti, nemmeno gli angoli battuti in modo adatto.

Muntari 5: pasticcia per il campo rimediando l’ennesimo giallo, ed è addirittura graziato dal rosso.

Toldo s.v.: nessun intervento e sfortuna sul gol che termina imparabile all’incrocio dei pali.

Mourinho 6: in se la formazione questa volta l’ha anche azzeccata, forse dovrebbe riuscire a motivare di più la squadra, specie negli impegni forse facili sulla carta. Dimostra di tenere in considerazione anche la Coppa Italia non effettuando un vero e proprio turnover.
Dovrebbe cercare di rendere la squadra meno Ibra-dipendente.

Si ringrazia il sito Inter.it per aver autorizzato la riproduzione dell'immagine.
Share:

8 commenti:

Anonimo ha detto...

quant'è forte maicon
quant'è forte maicon
... altro chi ibra dipendenti

Orgoglio nerazzurro ha detto...

Sicuramente Maicon è forte, ma l'impressione è ancora quella che se non c'è Ibra, non si segna...non a caso il miglior marcatore nerazzurro è lui, ma davanti manca qualcuno forte da affiancargli, basta pensare che il secondo miglior marcatore è proprio Maicon (terzino destro!).

Anonimo ha detto...

appunto secondo miglior marcatore magari anche miglior assist man.

quant'è forte maicon....

Orgoglio nerazzurro ha detto...

Io non dico che Maicon non sia forte, anzi, è solo che davanti serve qualcuno che dia più peso all'attacco e sia più incisivo sotto rete.

Anonimo ha detto...

ora è un periodo così, poi arriverà il momento che i vari cruz crespo adriano ecc... sfioreranno appena il pallone e bastera x fare gol, magari fra non molto.

Certo è che a Milito non direi di no.

Orgoglio nerazzurro ha detto...

Ben vengano i gollonzi!

Milito è forte e forse riuscirebbe a risolvere i problemi stitici dell'attacco, ma l'investimento oneroso, considerata anche l'età, forse non è dei migliori...possibile che non esista un giovane di assoluto valore su cui puntare?

Anonimo ha detto...

certo un giovane me ne viene in mente subito uno... MARIO BALOTELLI..... ma non so se ce lo vendono!?!

oh cazzo è nostro

Orgoglio nerazzurro ha detto...

Se l'allenatore non lo vede...anzi se il giocatore non si "applica", meglio un prestito e avanti un altro (che non sia Obinna!!!).

Post più popolari