Quando la fede si colora

26/01/09

INTER – SAMPDORIA 1-0 (1-0)

L’Inter vince il posticipo serale valido per la prima giornata di ritorno del campionato, conserva la testa della classifica in solitudine, ricacciando la seconda a 3 punti.
Mourinho mischia le carte e vara l’ennesima formazione – sorpresa: Julio Cesar tra i pali, difesa da destra a sinistra con Maicon, Chivu, Samuel e Santon (dopo l’esordio in gara ufficiale di mercoledì in Coppa Italia, ecco l’esordio ufficiale in campionato), centrocampo con Zanetti, Cambiasso e Muntari in mediana, Stankovic dietro le punte, attaccanti Adriano e Mancini (la vera novità) con Ibrahimovic alla prima assenza per squalifica e seduto in tribuna.
L’Inter parte subito in attacco andando alla conclusione con Adriano e Stankovic senza centrare l’obbiettivo.
La partita subisce un fase di stanca e fino alla mezzora non si vedono tiri da nessuna delle due squadre, la Sampdoria, schierata con una sola punta ed un nugolo di centrocampisti a difendere il pareggio, riesce bene a contenere le avanzate nerazzurre ed a congelare la partita, che non ha mai un sussulto. Al 30’ i nerazzurri riescono ad uscire dalla ragnatela e costruiscono due occasioni con Adriano: di testa alto su cross di Zanetti; bomba su punizione alta (dopo fallo al limite su Muntari).
Continua ad essere una gara brutta, pochi tiri, portieri mai impegnati, doriani sceneggiatori, 6 ammoniti (Inter 2- Sampdoria 4), sembra uno 0-0 già scritto, invece al 40’ l’arbitro ancora una volta protagonista (ci stava almeno già un rosso ai blucerchiati, viste le sei gomitate clamorose rifilate ai nostri!) caccia dal campo Mourinho reo d’aver protestato sul giallo di Stankovic ed al 46’ l’Inter va in vantaggio: azione veloce, palla da Stankovic a Maicon, che galoppa sulla fascia, salta l’uomo, converge, potrebbe già tirare in porta, invece crossa sul secondo palo, dove Adriano al volo di sinistro a portiere ormai superato fa l’1-0.
Nella ripresa Cordoba rileva Samuel infortunato e dopo cinque minuti l’Inter porta il portiere ospite a compiere la prima parata della serata: da Mancini a Stankovic in corsa che dal limite spara il porta con ottima risposta del portiere. Si continua a giochicchiare a centrocampo, ed al 61’ Stankovic, si libera e da 20 metri lascia partire un tiro imprendibile che si stampa sulla traversa.
E’ una partita monotona, con la Sampdoria che cerca di fare qualcosa in più nella ripresa, ma che riesce ad andare al tiro solo all’80esimo, ed il secondo tiro, che porta al miracolo di Julio Cesar avviene al 5’ minuto dei 6 decretati di recupero, sarebbe stata una vera beffa.
Un’Inter tutta grinta, compatta, convinta e squadra ha avuto la meglio giustamente di un avversario ostico, a volte cattivo, venuto a Milano in cerca di un pareggio, e di un arbitro nettamente a favore degli ospiti.

Marcatore: 46' Adriano.

Inter: 12 Julio Cesar, 13 Maicon, 25 Samuel (46’ 2 Cordoba), 26 Chivu (84’ 6 Maxwell), 39 Santon, 4 Zanetti, 19 Cambiasso, 20 Muntari, 5 Stankovic, 10 Adriano, 33 Mancini (78’ 7 Figo).
A disposizione: 1 Toldo, 9 Cruz, 18 Crespo, 77 Quaresma.
Allenatore: José Mourinho

Sampdoria: 1 Castellazzi, 10 Pazzini, 17 Palombo, 19 Franceschini (63’ 11 Bellucci), 21 Sammarco, 23 Stankevicius, 28 Gastaldello (49’ 20 Padalino), 40 Delvecchio, 46 Pieri, 84 Raggi (60’ 3 Ziegler), 88 Dessena.
A disposizione: 83 Mirante, 25 Mustacchio, 53 Donati, 89 Marilungo.
Allenatore: Walter Mazzarri

Ammoniti: Chivu, Stankevicius, Sammarco, Pazzini, Stankovic, Franceschini.

Espulsi: Mourinho.

Arbitro: Domenico Celi (Campobasso).


Si ringrazia il sito Inter.it per aver autorizzato la riproduzione dell'immagine.
Share:

0 commenti:

Post più popolari