Quando la fede si colora

14/01/09

INTER – GENOA 3-1 (0-0) (1-1 al 90°)

L’Inter vince 3-1 con il Genoa e si qualifica per i Quarti di Finale della Coppa Italia dove affronterà la Roma.
La gara va ricordato subito che si è protratta fino ai tempi supplementari, essendo terminata sull’1-1 nei primi 90 minuti di gioco.
Mourinho schiera il seguente undici iniziale: Toldo tra i pali, Maicon, Burdisso, Samuel e Maxwell difensori; Zanetti, Chivu, Muntari e Jimenez a centrocampo; Adriano e Crespo attaccanti.
Partita a senso unico, Inter avanti tutta e Genoa chiuso davanti al portiere, cercando le ripartenze rapide in contropiede, tant’è che la prima palla gol del match è un brivido per i tifosi nerazzurri, infatti dalla sinistra un giocatore ligure si presenta tutto solo davanti a Toldo in uscita, lo salta e a porta vuota è ripreso da Muntari e Samuel che salvano: è l’unica azione del Genoa nella metà campo nerazzurra fino al loro gol dell’1-1, da qui in avanti sempre e solo nerazzurro.
Le occasioni per l’Inter si susseguono da Jimenez a Crespo ad Adriano, fino al 21’ minuto in cui l’arbitro omaggia i nerazzurri: Adriano lanciato a rete è steso (a dir la verità fuori area) da Biava, che viene espulso; dal dischetto lo stesso Adriano, che calcia molle ed il portiere devia in angolo.
L’Inter non demorde e riparte a testa bassa: tiro fuori di Muntari,; alto di Adriano; fuori di Maicon; fuori di Chivu; anticipato di un soffio Crespo, così finisce sullo 0-0 il primo tempo.
Ad inizio ripresa Mourinho inserisce Obinna per Muntari ed è subito pericoloso, dalla fascia sinistra riesce spesso ad impensierire la retroguardia ospite, peccato che si perda per i suoi limiti tecnici.
Il Genoa continua a restare schierato con i dieci uomini tutti dietro a difendere la porta, e l’Inter continua a macinare gioco, azioni, e sbagliare gol: Chivu fuori di poco; testa fuori di Adriano; tiro parato di Maicon; tiro murato di Adriano; Maicon che comincia ad imperversare e tiro a lato; bolide di Zanetti e miracolo del portiere; rovesciata di Adriano e parata; fino al 75’ minuto, crossa da sinistra di Maxwell e testa in rete di Adriano da centro area tra tre difensori.
Pare fatta, Cambiasso ha da poco sostituito Jimenez; Ibrahimovic sostituisce Adriano per gli ultimi minuti restanti…invece il Genoa con Rossi, vince un rimpallo con Samuel e dal vertice sinistro inventa un diagonale imparabile all’incrocio dei pali (siamo al minuto 79’).
L’Inter avanza a testa bassa, un siluro di Ibra su punizione dal limite finisce di poco alto; Zanetti dal limite e parata spettacolo del portiere avversario; colpo di testa alto di Ibra, incredibile, si va ai supplementari.
Si riparte allo stesso modo, occasioni, occasioni, occasioni: Crespo è pericoloso in quattro occasioni di fila, prima di un gol gigantesco “mangiato” da Cambiasso in centro area; che si rifà al minuto 100’: Ibra da fermo dal limite spara un missile che il portiere non trattiene, si avventa Cambaisso che di sinistro insacca.
Tre minuti (103’) e si va sul 3-1 con una magia, Obinna lancia Ibrahimovic, il portiere in uscita gli chiude inizialmente lo specchio della porta, lui riprende palla e con un colpo magistrale di esterno destro dalla sinistra fa passare il pallone al due allora tra portiere e difensore.
Potrebbe essere la fine ma i nerazzurri continuano a macinare gioco e collezionano ancora occasioni con Chivu, Crespo ed Ibra, salvo poi controllare con mestiere per tutto il secondo tempo supplementare.
Una gara dominata dall’inizio alla fine, e non solo per l’inferiorità numerica del Genoa, che si è letteralmente difeso per tutto l’incontro, trovandosi in parità per una perla, ma che onestamente non meritava certo la qualificazione.












MARCATORI: 75’ Adriano; 79’ Rossi, 100' Cambiasso, 103’ Ibrahimovic.

INTER: 1 Toldo; 13 Maicon, 16 Burdisso, 25 Samuel, 6 Maxwell; 4 Zanetti, 26 Chivu, 20 Muntari (46’ 21 Obinna); 11 Jimenez ( 76’ 19 Cambiasso); 18 Crespo, 10 Adriano (76’ 8 Ibrahimovic)
In panchina: 22 Orlandoni, 33 Mancini, 39 Santon, 77 Quaresma
Allenatore: José Mourinho.

GENOA: 73 Scarpi; 25 Biava, 13 Ferrari, 26 Bocchetti, 23 Modesto (50’ 4 Criscito); 7 Rossi, 77 Milanetto, 28 Juric; 68 Vanden Borre (53’ 21 Olivera), 14 Sculli, 20 Mesto (46’ 15 Papastathopoulos)
In panchina: 1 Lamanna, 16 Cofie, 17 Jankovic, 31 El Shaarawy
Allenatore: Gian Piero Gasperini

Ammoniti: Juric, Muntari, Milanetto, Obinna

Espulsi: Biava

ARBITRO: Gabriele Gava (Conegliano Veneto)

Si ringrazia il sito Inter.it per aver autorizzato la riproduzione delle immagini.
Share:

0 commenti:

Post più popolari