Quando la fede si colora

21/01/09

Aspettando Inter-Roma

Allo Stadio Meazza di Milano l’Inter ospita la Roma per il turno secco valevole per i Quarti di Finale di Coppa Italia; Josè Mourinho ha convocato i seguenti 19 giocatori:

Portieri: 1 Francesco Toldo, 12 Julio Cesar, 51 Vid Belec.

Difensori: 13 Maicon, 16 Nicolas Burdisso, 24 Nelson Rivas, 25 Walter Samuel, 26 Cristian Chivu, 39 Davide Santon.

Centrocampisti: 4 Javier Zanetti, 5 Dejan Stankovic, 7 Luis Figo, 19 Esteban Cambiasso, 20 Sulley Muntari, 33 Amantino Mancini, 77 Ricardo Quaresma.

Attaccanti: 8 Zlatan Ibrahimovic, 10 Adriano, 45 Mario Balotelli.

Dopo la lista dei convocati, ecco la lista degli esclusi:
Squalificato: Cruz.
Infortunati: Orlandoni, Materazzi e Vieira.
Scelta tecnica: Cordoba, Maxwell, Dacourt, Bolzoni, Jimenez, Crespo e Obinna.

Questa volta fanno scalpore le esclusioni dei difensori, dopo tanti esclusi davanti o a centrocampo, è la volta del reparto arretrato, con Cordoba e Maxwell che pagano gli errori e le ingenuità della partita persa a Bergamo domenica scorsa. Forse il tecnico ha trovato i due particolarmente deconcentrati e punendoli, utilizzando il pugno duro, ha voluto ancora una volta dimostrare a tutta la truppa chi comanda. Personalmente questa volta dissento dalla scelta del tecnico, almeno per quel che riguarda Cordoba, una partita storta può capitare a chiunque… se proprio voleva punirlo poteva comunque convocarlo e lasciarlo in panchina; a tal proposito mi sovviene un quesito: Samuel domenica scorsa assente per influenza, era veramente malato o la sua malattia era una messa in scena per mascherare un’esclusione dovuta alla scarsa concentrazione dimostrata negli incontri con Cagliari e Genoa (Coppa Italia)? Staremo a vedere.
La gara contro la Roma è una vera finale anticipata, quest’anno per evitare la quinta finale di seguito tra le due compagini, il tabellone ha posizionato entrambe dallo stesso lato, portandole allo scontro appunto dei Quarti di Finale.
Per cui il match è tutto fuorché scontato e poco conta il fattore campo che vede l’Inter padrona di casa, una partita dal risultato incerto…semmai i nerazzurri avranno forse una carica ed una grinta in più: devono necessariamente riscattare l’opaca prestazione della scorsa giornata di campionato persa in malo modo contro l’Atalanta; dovessero malauguratamente uscire dalla coppa dopo il recente scivolone di Bergamo, la stampa e probabilmente anche alcuni tifosi comincerebbero a tamburellare pericolosamente su tutto l’ambiente nerazzurro.
Per quel che riguarda il modulo e la formazione può capitare di tutto, sarebbe meglio insistere sul collaudato 4-4-2, ma Mourinho potrebbe stupire tutti ripresentando il tanto agognato 4-3-3 (forse pensando che già a Roma in campionato ha portato ad un clamoroso 0-4 per i nerazzurri), quindi Toldo tra i pali, difensori Maicon, Samuel, Burdisso (salvo accomodarsi in panchina per far posto a Rivas) e Chivu; Zanetti, Cambiasso, Stankovic e Muntari centrocampisti; Adriano e Ibrahimovic in attacco; nella seconda versione, fuori Stankovic e Adriano, dentro Mancini e Quaresma.
L’unica certezza la presenza di Ibra (fresco vincitore del premio quale Migliore Straniero in Serie A nella passata stagione), che essendo squalificato domenica prossima, dovrà a tutti i costi condurre per mano la squadra alla semifinale (non per insistere, ma al momento attuale appare l’unico in grado di creare qualcosa di diverso e poter cambiare il corso di qualsiasi partita in qualunque momento…se poi dovessero realizzare anche gli altri, va benissimo, basta passare il turno).


Si ringrazia il sito Inter.it per aver autorizzato la riproduzione dell'immagine.
Share:

0 commenti:

Post più popolari