Quando la fede si colora

07/12/08

LAZIO-INTER 0-3 (0-2)

Il risultato parla da solo, almeno una volta è onesto e sincero, l’Inter non ha certo passeggiato, ma ha dimostrato qualora ce ne fosse ancora bisogno tutta la sua forza, andando a vincere a Roma 3-0 contro una buona squadra come la Lazio.
Formazione confermata con il 4-4-2 e gli stessi undici dell’ultimo match: Julio Cesar tra i pali, Maicon, Cordoba, Samuel e Maxwell in difesa; Zanetti, Cambiasso, Stankovic e Muntari a centrocampo; Ibrahimovic e Cruz in attacco.
Pronti via e Inter avanti tutta, subito un calcio d’angolo respinto dalla difesa laziale,recupera Muntari che da sinistra scodella verso il centro area, dove Samuel in corsa incorna di potenza e precisione, mandando il pallone all’incrocio dei pali: 0-1 al 2’ minuto e strada già in discesa.
La Lazio cerca di reagire, ma a parte una manciata di angoli, non arriva mai ad impensierire Julio Cesar; la difesa fa buona guardia non concedendo nulla agli attaccanti biancazzurri, il centrocampo da man forte dietro ed è rapido nelle ripartenze.
Dal canto suo l’Inter continua a macinare gioco e creare opportunità pericolose ogni volta che si avvicina all’area avversaria: respinta del portiere su incursione di Cruz; tiro diagonale alto di Ibrahimovic; testa ancora da angolo di Samuel di poco fuori.
Purtroppo esce Cruz per infortunio (probabile stiramento alla coscia), rilevato da Crespo, che ha subito una ghiotta occasione (sarebbe stata comunque annullata per fuorigioco inesistente), Stankovic avanza palla al piede e da circa 25 metri spara in porta, sulla respinta del portiere, lo stesso Crespo manda a lato a porta vuota, incredibile.
Si giunge così al raddoppio, al terzo minuto di recupero del primo tempo, Ibra si conquista una punizione sulla fascia a tre quarti di campo laziale, non aspetta nulla e batte subito in verticale per lo scatto di Maicon, che controlla ed in corsa dal fondo crossa verso il primo palo, dove accorre Crespo, che però viene anticipato da Diakite, peccato per lui che l’anticipo termina nella sua porta per lo 0-2 con cui si chiude il primo tempo.
Nella ripresa la gara prosegue come nella prima frazione di gioco, l’Inter continua ad imporre la sua legge, Ibrahimovic effettua alcune delle sue magie, ed al 55’ si giunge al terzo gol, tra l’altro proprio dello svedese: punizione dalla tre quarti di destra battuta da Cambiasso verso il centro dell’area, dove Ibra stacca e manda all’incrocio di testa (per la cronaca da replay, si nota la netta posizione di fuorigioco dello stesso al momento dal lancio).
La Lazio continua a cercare la rete della bandiera, senza per altro impensierire mai Julio Cesar abile sui pochi tiri che lo raggiungono, mentre i nerazzurri mai in difficoltà continuano ad avere le occasioni migliori ancora due volte con Ibrahimovic.
Che dire, campionato finito? Magari! La strada è ancora lunga, ma di certo l’Inter sta scrivendo pagine importanti anche in quest’annata, confermando tra l’altro di meritare la leadership.


MARCATORI: 2' Samuel, 48' aut. Diakite, 55’ Ibrahimovic.

LAZIO (4-4-2): 1 Carrizo; 29 De Silvetri, 87 Diakite, 22 Rozehnal, 3 Kolarov; 17 Foggia (77’ 23 Meghni), 6 Dabo (46’ 5 Brocchi), 24 Ledesma, 11 Mauri; 19 Pandev (30' 18 Rocchi), 10 Zarate.
A disposizione: 86 Muslera, 32 Radu, 5 Brocchi, 68 Manfredini.
Allenatore: Delio Rossi.

INTER (4-3-1-2): 12 Julio Cesar; 13 Maicon, 2 Cordoba, 25 Samuel, 6 Maxwell; 4 Zanetti, 19 Cambiasso, 20 Muntari (78’ 7 Figo); 5 Stankovic (86’ 33 Mancini); 8 Ibrahimovic, 9 Cruz (27' 18 Crespo).
A disposizione: 22 Orlandoni, 16 Burdisso, 23 Materazzi, 77 Quaresma.
Allenatore: Mourinho.

Ammoniti: Stankovic, Diakite, Zarate, Julio Cesar, Brocchi, Maxwell.

Arbitro: Daniele Orsato (Schio).


Si ringrazia il sito Inter.it per aver autorizzato la riproduzione delle immagini.
Share:

0 commenti:

Post più popolari