Quando la fede si colora

05/12/08

Aspettando Lazio-Inter

Anticipo del sabato sera alle ore 20,30 allo Stadio Olimpico di Roma, nell’ambito della quindicesima giornata d’andata del Campionato la Lazio ospita l’Inter, per la cui gara il tecnico Josè Mourinho ha convocato i seguenti 21 giocatori:

Portieri: 12 Julio Cesar, 22 Paolo Orlandoni, 51 Vid Belec.

Difensori: 2 Ivan Ramiro Cordoba, 6 Maxwell, 13 Maicon, 16 Nicolas Burdisso, 23 Marco Materazzi, 25 Walter Samuel.

Centrocampisti: 4 Javier Zanetti, 5 Dejan Stankovic, 7 Luis Figo, 19 Esteban Cambiasso, 20 Sulley Muntari, 33 Amantino Mancini, 36 Francesco Bolzoni, 77 Ricardo Quaresma.

Attaccanti: 8 Zlatan Ibrahimovic, 9 Julio Ricardo Cruz, 18 Hernan Crespo, 21 Victor Obinna.

Osservando le scelte di Josè Mourinho, si notano subito gli esclusi, prima di tutto gli infortunati Toldo, Chivu, Rivas, Vieira; poi le eliminazioni giornaliere, Dacourt, Jimenez, Adriano e Balotelli.
Mentre i primi due non sorprendono più di tanto, Adriano pare sia dovuto all’influenza settimanale, invece vero e proprio bocciato (prosegue il suo castigo) Balotelli inviato a giocare con la squadra Primavera.
Quasi a sorpresa ritorna tra i convocati Quaresma, anche se dei 21, tre non siederanno neppure in panchina, indiziati Belec, Bolzoni (abbastanza scontati) e per la terza posizione tre giocatori si contendono la maglia nera: Quaresma, Mancini e Obinna, probabilmente anche con il giusto ordine di eventuale esclusione.
Mourinho dovrebbe schierare la stessa formazione vista nell’ultima gara in casa, con lo stesso modulo di gioco (4-4-2), ecco gli undici iniziali: Julio Cesar portiere, Maicon, Cordoba, Samuel e Maxwell difensori; Zanetti, Cambiasso, Stankovic e Muntari a centrocampo; e davanti Ibrahimovic con Cruz salvo inserimento a sorpresa di Crespo.
Ci aspettiamo una gara di sostanza, spettacolo e risultato, come è stato nelle migliori settimane in cui assente l’impegno di metà settimana, la squadra nerazzurra ad allenarsi in maniera ottimale, ha dato il meglio, dando vita a delle partite capolavoro, con altrettante vittorie.
Inutile dire che ci si aspetta come sempre una prova sopra le righe da parte del “Genio” Ibrahimovic, del resto se si reputa un fuoriclasse, deve necessariamente darne anche prova… di contro una Lazio che è un’onesta formazione, capace di tutto, ma certamente inferiore all’undici nerazzurro, la speranza è che cerchino almeno di giocare palla, e giocare a calcio, mettendosi a nudo, dando il giusto spazio al letale gioco dell’Inter, e chissà che il divario in classifica non possa ulteriormente ampliarsi.

Si ringrazia il sito Inter.it per aver autorizzato la riproduzione dell'immagine.
Share:

0 commenti:

Post più popolari