Quando la fede si colora

02/11/08

Pagelle Reggina-Inter

Cordoba 7: il migliore in campo, dal suo lato non si passa mai ed ha anche il merito di realizzare la rete vittoria.

Quaresma 7: finalmente pochi ghirigori ma giocate essenziali e fluide; colpisce un palo al 6’ minuto, partecipa positivamente alle prime due reti, va al tiro, crossa (suo il cross per Crespo che termina sul palo), la sua migliore prestazione nerazzurra, speriamo prosegua.

Chivu 6,5: riproposto centrale di difesa (a sentire Mourinho è il suo ruolo), non effettua un solo errore, peccato per l’infortunio nel finale, tra l’altro in uno splendido recupero.

Maicon 6,5: torna ad essere l’uragano della fascia destra ed in una delle sue sgroppate porta in vantaggio la squadra.

Vieira 6,5: ottima partita con recuperi e disimpegni degni del suo nome, in più anche una rete bella ed importante.

Crespo 6,5: entra a partita in corso e come a Firenze manca la rete per un soffio: il palo gli nega la gioia, sembra in forma e con una gran fame, meriterebbe la maglia da titolare, magari domenica contro l’Udinese.

Balotelli 6: da centravanti in coabitazione con Ibrahimovic (a turni uno più avanti e uno più indietro) è inguardabile, spostato sulla fascia destra con l’ingresso di Crespo diventa devastante ed inarrestabile.

Maxwell 6: tiene bene la posizione e dalla sua parte non si passa mai, si aspetta che torni anche a riproporsi in attacco.

Burdisso 6: entra in sostituzione di Chivu ed effettua un lavoro di ordinaria amministrazione.

Zanetti 6: fatica in un centrocampo a due, si salva per esperienza.

Julio Cesar 5,5: sufficiente per quei pochi tiri che deve parare ma colpevole sul gol del pareggio in cui dorme.

Ibrahimovic 5: sembra stanco (come nell’azione del gol sbagliato a porta vuota di testa), forse non trova la posizione per la presenza anche di Balotelli.

Mancini 4,5: inguardabile, forse una sola azione degna di nota, sembra svogliato, ha avuto un’involuzione rispetto all’inizio della stagione.

Obinna s.v.

Mourinho 6: sottovaluta la Reggina schierando un 4-2-4 quasi da suicidio e invece le cose si mettono subito bene, peccato che forse sullo 0-2 poteva gestire meglio il risultato puntellando il centrocampo con l’ingresso di Stankovic, invece è costretto a pregare per ottenere i tre punti (che poi arrivano), tra l’altro meritati.

Si ringrazia il sito Inter.it per aver autorizzato la riproduzione dell'immagine.
Share:

0 commenti:

Post più popolari