Quando la fede si colora

01/11/08

Aspettando Reggina-Inter

Anticipo di campionato della nona giornata di andata, con l’Inter impegnata in trasferta al Granillo di Reggio Calabria contro la Reggina alle ore 18; questi i seguenti 20 giocatori selezionati da mister Mourinho per l’incontro:

Portieri: 1 Francesco Toldo, 12 Julio Cesar, 51 Vid Belec.

Difensori: 2 Ivan Ramiro Cordoba, 6 Maxwell, 13 Maicon, 16 Nicolas Burdisso, 23 Marco Materazzi, 25 Walter Samuel, 26 Cristian Chivu, 39 Davide Santon.

Centrocampisti: 4 Javier Zanetti, 5 Dejan Stankovic, 14 Patrick Vieira, 33 Amantino Mancini, 77 Ricardo Quaresma.

Attaccanti: 8 Zlatan Ibrahimovic, 18 Hernan Crespo, 21 Victor Obinna, 45 Mario Balotelli.

Confermate le assenze per motivi disciplinari di Adriano e Cruz (finto infortunato…), confermati gli infortunati Cambiasso, Figo, Jimenez, Muntari, Rivas, restano misteriose le assenze di Orlandoni, Bolzoni e Dacourt, soprattutto l’ultima, con la moria di centrocampisti, non era il caso di portarlo?
Dopo 5 anni, due 0-0 consecutivi, era il terzo anno di Hector Cuper, dopo altre due partite (sconfitta nel derby e pareggio a Brescia) venne esonerato…non esageriamo, semplicemente ci sia spetta che la difesa continui la sua imbattibilità (4 partite consecutive), ma soprattutto l’attacco riprenda a segnare come di dovere.
Si gioca a Reggio contro l’ultima della classe, come minimo gli attaccanti di cui dispone Mourinho valgono tutta la Reggina, anzi il solo Ibrahimovic vale quanto tutta la squadra calabrese, per cui è il caso che il tanto celebrato “Genio” ed i suoi compagni di reparto comincino a dimostrare il loro valore, portando i nerazzurri a vincere dopo due giornate di digiuno.
Mourinho nel pre-partita ha elogiato il pubblico reggino (forse era un appello ai tifosi nerazzurri, sempre e peraltro giustamente critici verso la propria squadra), indicandoli come quel qualcosa in più per i padroni di casa, era meglio quando irrideva gli avversari dicendo che già un’Inter normale poteva bastare (era la volta del Catania), va bene il rispetto dell’avversario, ma se non si vince neppure a Reggio, allora è meglio chiudere bottega, ed andare che so, a far funghi.
Venendo alla formazione, Julio Cesar in porta, Maicon, Cordoba, Materazzi e Chivu in difesa (Maxwell a riposo dopo il rientro di Firenze); Zanetti, Stankovic e Vieira a centrocampo; Ibrahimovic in attacco affiancato da Mancini e Balotelli.
Staremo a vedere, anche se pur vincendo con la Reggina di sicuro non si potrà parlare di resurrezione (ultima in classifica), di strada ne manca ancora tanta; si è passati dall’esaltazione della squadra imbattibile, che annienta la Roma a Roma per 4-0, alla depressione per la squadra inguardabile dello 0-0 con il Genoa, allo 0-0 di Firenze… diamogli ancora un po’ di tempo, e speriamo in bene.

Si ringrazia il sito Inter.it per aver autorizzato la riproduzione dell'immagine.
Share:

0 commenti:

Post più popolari