Quando la fede si colora

26/10/08

Pagelle Inter-Genoa

Julio Cesar 7,5: autentico baluardo riesce a negare la gioia del gol a qualunque giocatore rossoblu che si presenti al tiro; insuperabile, merito suo se la porta resta inviolata.

Chivu 6,5: torna terzino sinistro e dalla sua parte non si passa mai, tenta la conclusione e riesce a spingere in fase offensiva anche se con cross non sempre precisi.

Stankovic 6,5: si posiziona nella parte centrale del campo, recupera molti palloni, lancia con precisione e conclude, si vede che sta bene (nel finale leggermente infortunato, si spera sia solo affaticamento, altrimenti saranno guai)

Cordoba 6: poco lavoro per lui (Milito gli gira al largo), e quel poco è svolto al meglio come sempre.

Zanetti 6: gioca tanti palloni, ma pare non in una fase esplosiva anche perché a volersi proporre davanti c’è già così tanta confusione che forse è meglio starsene alla larga.

Burdisso 6: gioca contro il cliente più ostico (Milito), lo argina in tutti i modi possibili, leciti e non (non è un caso il suo cartellino giallo).

Maicon 6: nettamente al di sotto del suo standard, poche scorribande davanti e più volte in difficoltà con Mesto; l’arbitro lo grazia per un fallo da dietro da punire con il rosso diretto (entrata a forbice da dietro sul solito Mesto che si stava involando).

Ibrahimovic 5,5: si sbatte in lungo ed in largo ma le conclusioni sono inguardabili; tante giocate sembrano approssimative, non in giornata.

Muntari 5: gira a vuoto, si vede poco, subisce un giallo dopo dieci di gioco (primo fallo, un’esagerazione ammonirlo) che lo frena un po’, ma delude anche rispetto alle ultime uscite (esce per infortunio al 53’).

Obinna 5: parte subito con una conclusione, poi si perde come il resto degli attaccanti.

Balotelli 5: unico merito il tiro che sporca i guanti del portiere nella ripresa (l’unico dell’Inter nel secondo tempo) con la punizione da 30 metri.

Quaresma 4,5: mezzo voto in più per la conclusione di poco alta (serviva la spada, non il fioretto), per il resto solita gara scarsa.

Cruz 4: mai visto così giù di tono, forse è merito delle 12 partite viste dalla panchina e delle poche presenze, tra l’altro mai da titolare.

Adriano 4: era in campo?

Mourinho 5: se è vero che si è lamentato di alcuni giocatori che non hanno rispettato le sue direttive, l’allenatore è lui, quindi il primo a sbagliare è proprio lui…a cominciare dalla formazione.

Si ringrazia il sito Inter.it per aver autorizzato la riproduzione dell'immagine.
Share:

0 commenti:

Post più popolari