Quando la fede si colora

01/10/08

Aspettando Inter-Werder Brema

Secondo giornata di Champions League per il girone B e secondo incontro per l’Inter che tra le mura amiche del Meazza incontra la compagine tedesca del Werder Brema; Mourinho ha convocato i seguenti 20 giocatori:

Portieri: 1 Francesco Toldo, 12 Julio Cesar, 22 Paolo Orlandoni.

Difensori: 2 Ivan Ramiro Cordoba, 13 Maicon, 16 Nicolas Burdisso, 23 Marco Materazzi, 26 Cristian Chivu.

Centrocampisti: 4 Javier Zanetti, 5 Dejan Stankovic, 14 Patrick Vieira, 19 Esteban Cambiasso, 20 Muntari, 33 Amantino Mancini, 36 Francesco Bolzoni, 77 Ricardo Quaresma.

Attaccanti: 8 Zlatan Ibrahimovic, 9 Julio Ricardo Cruz, 10 Adriano, 45 Mario Balotelli.

Mourinho recupera Burdisso dopo il turno di squalifica della prima giornata e Muntari che torna in squadra dopo la squalifica del campionato.
Al contrario assenti infortunati Maxwell, Figo, Jimenez; mentre per scelta tecnica (non potranno giocare tutta la prima fase, ovvero il girone perché esclusi dalla lista Uefa per questa fase) Samuel, Rivas, Dacourt, Crespo, Obinna.
Logicamente dopo lo stop e la brutta prestazione del Derby, l’Inter e Josè Mourinho sono attesi ad una prova di carattere per riscattarsi immediatamente e per ribadire il primato del girone, che fin qui vede la stessa Inter capeggiare a 3 punti, Werder e Anorthosis 1 punto (0-0 tra di loro nel primo turno) ed ultimo a zero il Panathinaikos.
Chi si aspetta un’Inter a trazione anteriore o che attacchi subito a testa bassa potrebbe restare deluso in quanto il tecnico lusitano è ormai noto ha impostato il gioco con un ritmo tendente al soporifero, mi attendo il solito fraseggio tra il centrocampo, cercando l’aggiramento dei tedeschi fino alla zona calda della loro area; dal canto loro questi tedeschi hanno l’abilità specie per le gare in trasferta di chiudersi molto bene e ripartire con dei contropiedi ficcanti, grazie alla velocità del loro reparto avanzato; inoltre arrivano in un buon momento di forma, evidenziato dal fatto che nelle ultime due gare hanno realizzato ben dieci reti.
Partita difficile quindi, da affrontare con la massima attenzione e con il tentativo di sbloccare subito per poter sfruttare la loro stessa arma del contropiede, per la quale personalmente schiererei Julio Cesar portiere; Maicon, Materazzi, Cordoba e Chivu difensori; Stankovic, Cambiasso e Muntari (Zanetti e Vieira inizialmente a riposo in panchina); Mancini, Ibrahimovic e Cruz punta centrale (assolutamente necessario almeno nelle partite in casa).
Invece Mourinho dopo le decisioni del giudice sportivo per il campionato (Materazzi e Burdisso squalificati per un turno) probabilmente confermerà i difensori del Derby con Burdisso ancora preferito a Cordoba, in centro Zanetti Cambiasso e Muntari (punta sulla freschezza del ghanese) e davanti Adriano preferito a Quaresma.
Speriamo solo che non capiti come negli ultimi due incontri in cui per cercare di segnare nella ripresa Mourinho ha schierato tutti gli attaccanti disponibili, andando a rischiare un po’ di più per gli squilibri inevitabili a cui la squadra viene sottoposta…non è più facile cominciare la gara con Cruz tra i titolari? Restiamo in attesa, chissà che il tecnico lusitano alle ore 20.45 non sorprenda tutti con qualche gustosa novità.
Share:

0 commenti:

Post più popolari