Quando la fede si colora

04/10/08

Aspettando Inter-Bologna

Anticipo serale previsto allo Stadio Meazza di Milano con il Bologna ospite dell’Inter alle ore 20.30 per la sesta giornata di campionato; Josè Mourinho ha convocato i seguenti 19 giocatori:

Portieri: 1 Francesco Toldo, 12 Julio Cesar, 22 Paolo Orlandoni.

Difensori: 2 Ivan Ramiro Cordoba, 13 Maicon, 24 Nelson Rivas, 25 Walter Samuel.

Centrocampisti: 4 Javier Zanetti, 5 Dejan Stankovic, 14 Patrick Vieira, 19 Esteban Cambiasso, 20 Sulley Muntari, 33 Amantino Mancini, 36 Francesco Bolzoni, 77 Ricardo Quaresma.

Attaccanti: 8 Zlatan Ibrahimovic, 9 Julio Ricardo Cruz, 10 Adriano, 21 Victor Obinna.

Si tratta di scelte quasi obbligate quelle effettuate dal tecnico lusitano, in pratica convocata tutta la rosa effettivamente disponibile, perchè a parte Burdisso squalificato per un turno, si è ulteriormente allungata la lista degli infortunati più o meno gravi: Chivu, Materazzi (era anche squalificato per un turno), Maxwell, Dacourt, Jimenez, Figo, Balotelli, Crespo. Pare che la maggiore parte sarà recuperata alla ripresa del campionato prevista in data 19 ottobre 2008, dopo la sosta per le gare delle nazionali in vista delle qualificazioni mondiali.
Per chi pensa ad una formazione scontata, Mourinho potrebbe comunque riservare delle sorprese schierando così l’undici iniziale: Julio Cesar in porta; Maicon terzino destro, Zanetti terzino sinistro, Cordoba e Cambiasso (preferito a Rivas, Samuel non è ancora pronto al cento per cento) difensori centrali; Stankovic davanti alla difesa con Vieira a destra e Muntari a sinistra; Adriano, mancini e Ibrahimovic davanti a interscambiarsi le posizioni.
Sarebbe un’Inter portata all’attacco come in ogni occasione in casa, con soli due difensori di ruolo; di mio inserirei Rivas in difesa (ho sempre avuto l’impressione di un giocatore mediocre, ma è l’unico che avanza di ruolo), sposterei Cambiasso a centrocampo togliendo Muntari (ho idea che sia uno dei pallini di Mou!), e a rischio di sembrare ripetitivo partirei con Cruz per Adriano (nelle partite in casa ci vuole un centravanti d’area).
E’ inutile dire che si tratta di una gara non da vincere, ma assolutamente da vincere, vuoi per il momento delicato, vuoi perché poi c’è la sosta (e chi li sente i giornalisti a sparlare solo di Inter), vuoi perché se vuoi poi vincere il torneo gare come quella in casa con il Bologna vanno vinte, spiace per il Bologna che viene da quattro sconfitte di fila, ma il colpaccio a Milano l’ha già fatto alla prima giornata sbancando San Siro rossonera…poi Ibra dovrà festeggiare il suo compleanno anche se con un giorno di ritardo.
In ultima un augurio ad Obinna, che possa finalmente esordire in maglia nerazzurra, possa bagnare l’esordio con la gioia di un gol, e chissà, possa mettere in difficoltà il tecnico, magari andando a rubare il posto e la scena al tanto celebrato Quaresma (diamogli il tempo di dimostrare il suo valore, anche se l’impressione è quella di un giocatore mediocre e che non lascerà il segno da noi).

Si ringrazia il sito Inter.it per aver autorizzato la riproduzione dell'immagine.
Share:

3 commenti:

Anonimo ha detto...

ma chi è il giocatore mediocre Quaresma Obinna o entrambi? no perchè se poi aggiungiamo anche Rivas allora cominciamo ad essere troppo "mediocri"

Orgoglio nerazzurro ha detto...

Rivas più che mediocre è scarso, Quaresma ancora per poco ha le attenuanti dell'inserimento mentre Obinna è quello che tatticamente e tecnicamente mi sembra il più preparato.

Laura ha detto...

Io Quaresma lo rispedirei da dove è venuto, se continua così, prima di farci vedere qual che sa fare (se lo sa fare) dovremo aspettare Pasqua. Ah ah ah ah.

Post più popolari