18 apr 2016

Un occhio ai contratti

Mentre fioccano i rinnovi in casa Inter, vediamo in dettaglio la rosa attuale: 

2016 Berni, Jovetić, Ljajić, Manaj, Telles. 

2017 Carrizo, Éder, Felipe Melo, Mancini, Palacio. 

2018 D'Ambrosio, Juan Jesus, Medel, Miranda, Santon. 

2019 Biabiany, Brozović, Handanovič, Icardi, Nagatomo. 

2020 Gnoukouri, Kondogbia, Murillo, Perišić. 


2017 Andreolli, Bardi, Belec, Di Gennaro, Donkor. 
2018 Biraghi, Camara, Dimarco, Laxalt, Longo. 
2019 Dodô, Ranocchia. 
2020 Puscas. 

Arrivati i rinnovi di Handanovič, Palacio e Nagatomo, a fine stagione ben quattro giocatori sono in scadenza, secondo me per Berni non dovrebbero esserci problemi prolungando di un ulteriore anno come terzo portiere, gli altri quattro sono tutti in prestito, a tutt’oggi l’unico “certo” di riscatto dovrebbe essere il giovane Manaj, per Jovetić, Ljajić e Telles ancora tutto in ballo, a parer mio non riscatteremo nessuno dei tre. 

Guardando al 2017 ancora tutto troppo prematuro e soprattutto nessuno di così indispensabile da rinnovare al più presto e a ogni costo; resta ovvio che alcuni rinnovi tipo quello di Nagatomo potrebbero comunque celare una cessione proficua che ovviamente a parametro zero non si sarebbe potuta ottenere. 

Nella parte più in basso compaiono i principali giocatori in prestito, ma con ancora un contratto nerazzurro in essere, come nel caso di Ranocchia


14 mar 2016

E’ tutto scritto

Ecco qui una nuova celebrazione del Capitano, avete capito di chi si tratta? Ma ovviamente di Javier Zanetti, l’uomo dei record, il proprietario della casacca nerazzurra numero 4, JZ4 Capitano Fantastico, semplicemente leggenda. 

Poco meno di 240 pagine senza indice dove, Zanetti stesso, ripercorre in varie tappe, in rigoroso ordine cronologico, la propria carriera da Capitano, riproponendo 120 fasce tra tutte quelle che ha indossato in maglia nerazzurra; a ogni narrazione della sua storia corrispondono due foto a colori, una della fascia trattata e una di lui in azione di gioco con la stessa fascia indossata. 

Ce ne sono di tutti i tipi e gusti, si va dalle più semplici a quelle via via più complesse e personalizzate, alcune di quelle scelte trattano momenti salienti come il raggiungimento delle 300 presenze in Serie A il 10 novembre 2004 (Inter-Bologna 2-2), o come la suggestiva “L’Olimpo dei 1000”, 11 maggio 2011 (Inter-Roma 1-1), in cui compaiono i 10 giocatori (Zanetti compreso) che a quella data avevano toccato la venerabile cifra di 1000 match ufficiali in carriera. 

Altre sono celebrazioni di match importanti come quella del 20 aprile 2010 Inter-Barcellona 3-1, oppure quelle dedicate alla Fondazione PUPI. 

Tutte belle e uniche, come quella indossata il 10 maggio 2014, l’ultima davanti ai tifosi nerazzurri, con “Zanetti 4 ever” scritto centralmente in grande e, tutt’intorno, i nomi di 270 giocatori, i suoi compagni d’avventura nerazzurra. Semplicemente fantastica. 

E che dire di quella del 6 gennaio 2011, Inter-Napoli 3-1? Da sinistra a destra il simbolo dell’Inter e i cinque trofei conquistati nel 2010, sotto, la scritta 2010 PENTACAMPEON

L’unico rammarico è che molte di queste fasce siano abbinate a partite non certo fortunate o da ricordare; un esempio? Il 20 settembre 2011, Novara-Inter 3-1, e la dedica “La 757”: Zanetti diventa il giocatore con più presenze in nerazzurro superando Beppe Bergomi, fermo a 756... meritava miglior fortuna. 

19 feb 2016

"Due giorni da campione": al via la quinta fase


Il gioco online Better Champions, il concorso legato alle scommesse promosso da Better, di Lottomatica, piattaforma per chi ama giocare online, da mobile o nei punti vendita sulla serie A e in generale, sulle partite di calcio, entra nella quinta fase ed è pronto a premiare i giocatori più fedeli ed entusiasti.

I vincitori della prima fase hanno potuto trascorrere a Barcellona “Due giorni da campioni” assistendo al match Barcellona-Roma e partecipare ad attività ricreative; i vincitori della seconda fase sono invece stati a Londra e hanno potuto assistere a una partita del Chelsea.

Prima della conclusione del concorso mancano ancora due fasi… ma vediamo più nel dettaglio di cosa si tratta.