Quando la fede si colora

01/09/17

Mercato giovani 2017/18

Ecco tutte le mosse nerazzurre a livello giovanile:

Acquisti 

Cristian Airoldi (d) classe 2002, dall'Olginatese
Giordano Bardeggia (a) classe 2000, dal San Marino
Alessandro Bastoni (d) classe 1999, dall'Atalanta
Nicholas Bonfanti (a) classe 2002, dalla Virtus Bergamo
Ramen Cepele (d) classe 2003, dall'ASD Liventina
Facundo Colidio (a) classe 2000, dal Boca Juniors
Davys Corrarati (c) classe 2000, dall'Enotria
Felice D'Amico (a) classe 2000, in prestito dal Palermo
Alberto Del Grosso (c) classe 2001, svincolato
Nicolas Galeazzi (a) classe 2001, in prestito dall'Accademia Pavese
Nicolas Gerardi (p) classe 2003, dall'ASD Liventina
Jacopo Gianelli (c) classe 2001, dalla Cremonese
Nicola Milani (p) classe 2001, dal Ciserano
Gabriele Minerva (p) classe 2000, dall'Enotria
Vlad Nicolae Mitrea (c) classe 2001, dalla Dinamo Bucarest
Jens Odgaard (a) classe 1999, dal Lyngby BK
Davide Paccagnan (a) classe 2003, dall'ASD Liventina
Lorenzo Peschetola (a) classe 2003, dal Pescara
Davide Petito (c), in prestito dal Vis Nova Giussano
Elia Marcello Pezzini (a) classe 2003, dalla Cremonese
Marco Pompetti (c) classe 2000, dal Pescara
Andrea Pozzi (d), in prestito dal Vis Nova Giussano
Nicola Pucci (a) classe 2003, dal Donatello
Brando Radaelli (a) classe 2000, dall'Enotria
Nicolò Radaelli (p) classe 2001, dal Renate
Rigoberto Manuel Rivas Vindel (a) classe 1998, dal Prato
Simone Stucchi (p) classe 2000, in prestito dal Renate
Ndzo Giovanni Tchetchoua(c) classe 2000, dall'Enotria
Flor Van den Eynden (d) classe 2000, dal Yellow Red Mechelen
Nicolò Zaniolo (c) classe 1999, dal Virtus Entella
David Wieser (a) classe 2002, dal Sudtirol

Cessioni 

Enrico Baldini (a) classe 1996, all'Ascoli
Axel Mohamed Bakayoko (a) classe 1998, in prestito al Sochaux
Andrea Bandini (d) classe 1994, in prestito al Brescia
Alessandro Bastoni (d) classe 1999, in prestito dall'Atalanta
Niccolò Belloni (c) classe 1994, in prestito al Carpi
Andrea Bertazzoli (a) classe 2002, in prestito alla Cremonese
Pierre Bolchini (p) classe 1999, al Novara
Alessandro Bollini Frigerio (a) classe 1998, in prestito all'Inveruno
Mattia Bonetto (c) classe 1997, in prestito al Prato
Federico Botti (p) classe 2002, al Brescia
Karlo Butic (a) classe 1998, al Torino
Andrea Cagnano (d) classe 1998, in prestito al Santarcangelo
Gaston Camara (a) classe 1996, in prestito al Gil Vicente
Marco Carraro (c) classe 1998, in prestito al Pescara
Mattia Carta (a) classe 2001, al Brescia
Enrico Celeghin (c) classe 1999, in prestito al Torino
Davide Costa (p) classe 1996, in prestito al Gubbio
Gabriele Dalla Bernardina (d) classe 1999, in prestito al Cittadella
Simone Damo (c) classe 1999, alla Cremonese
Fabio Della Giovanna (d) classe 1997, alla Spal
Enrico De Micheli (c) classe 1997, al Renate
Michele Di Gregorio (p) classe 1997, in prestito al Renate
Roberto Di Jenno (d) classe 1999, al Torino
Nicolò Donarini classe 2003, in prestito alla Cremonese
Isaac Opoku Donkor (d) classe 1995, al Cesena
Mike Kenny Ebu (a) classe 1999, al Brescia
Fabio Eguelfi (d) classe 1995, all'Atalanta
Tommaso Equizi (d) classe 1997, in prestito alla Fermana
Francesco Forte (a) classe 1993, in prestito allo Spezia
Lorenzo Fusto (a) classe 2003, al Novara
Riccardo Gaiola (c) classe 1996, in prestito al Santarcangelo
Thomas Léon Gaydu (a) classe 1998, svincolato
Luca Galli (p) classe 2001, al Novara
Andrea Gallina (d) classe 1999, alla Cremonese
Bright Gyamfi (d) classe 1996, al Benevento
Davide Granziera (d) classe1998, alla Clodiense
Andrew Rayan Gravillon (d) classe 1998, al Benevento
Edmund Etsè Hottor (c) classe 1993, svincolato
Italo Santos de Oliveira do Nascimento (d) classe 1996, in prestito all'Olhanense
Gregor Kajganic (d) classe 2001, in prestito al Venezia
Morten Brander Knudsen (c) classe 1995, svincolato
Eloge Koffi Yao Guy (d) classe1996, al Lugano
Riad Krasniqi (a) classe 2001, in prestito al Genoa
Alessandro Mattioli (d) classe 1998, in prestito al Renate
Alessandro Minelli (d) classe 1999, in prestito al Pescara
Andrea Moretti classe 2002, in prestito al Novara
Lorenzo Moretti classe 2002, in prestito al Novara
Ibukun Roberto Ogunseye (a) classe 1995, all'Olbia
Justice Opoku (a) classe 1998, svincolato
Filippo Ornaghi (d) classe 2001, al Novara
Andrea Palazzi (c) classe 1996, in prestito al Pescara
Marco Pedroni (a) classe 2000, in prestito al Chievo
Mattia Poletto (c) classe 1999, alla Polisportiva Tamai
Tommaso Putzolu (c) classe 1999, in prestito alla Cremonese
Nicolò Radaelli (p) classe 2001, in prestito alla Cremonese
Rigoberto Manuel Rivas Vindel (a) classe 1998, in prestito al Brescia
Andrea Romanò (c) classe 1993, in prestito al Monza
Giacomo Michele Sciacca (d) classe 1996, all'Alessandria
Filippo Sgarbi (d) classe 1997, in prestito al Sudtirol
Tommaso Spaviero (c) classe 1999, in prestito alla Cremonese
Lorenzo Tassi (c) classe 1995, in prestito al Vicenza
Melkamu Taufer (c) classe 1998, in prestito all'Arzachena
Vincenzo Tommasone (a) classe 1995, in prestito al Santarcangelo
Mattia Tordini (a) classe 2002, in prestito al Novara
Junior José Correia detto Zé Turbo (a) classe 1996, in prestito al Catania
Nicolò Vai (a) classe 1999, al Novara
Giorgio Vitali (a) classe 1999, alla Cremonese

In bocca al lupo a tutti, sia chi va che soprattutto  chi viene.


Share:

31/08/17

Un mercato un po' così

Terminata la sessione estiva del calciomercato 2017/18, ecco le mosse nerazzurre:

Acquisti 

Dalbert Henrique Chagas Estevão (d) classe 1993, dal Nizza
João Pedro Cavaco Cancelo (d) classe 1994, in prestito dal Valencia
Yann Karamoh (a) classe 1998, in prestito dal Caen
Daniele Padelli (p) classe 1985, svincolato
Milan Škriniar (d) classe 1995, dalla Sampdoria
Borja Valero Iglesias (c) classe 1985, dalla Fiorentina
Matías Vecino Falero (c) classe 1991, dalla Fiorentina

Cessioni 

Marco Andreolli (d) classe 1986, svincolato
Cristian Daniel Ansaldi (d) classe 1986, in prestito al Torino
Éver Maximiliano David Banega (c) classe 1988, al Siviglia
Gabriel Barbosa Almeida detto Gabigol (a) classe 1996, in prestito al Benfica
Francesco Bardi (p) classe 1992, in prestito al Frosinone
Jonathan Ludovic Biabiany (a) classe 1988, in prestito allo Sparta Praga
Gianluca Caprari (a) classe 1993, alla Sampdoria
Juan Pablo Carrizo (p) classe 1984, svincolato
Raffaele Di Gennaro (p) classe 1993, in prestito allo Spezia
Federico Dimarco (d) classe 1997, al Sion
Caner Erkin (d) classe 1988, al Besiktas
Geoffrey Kondogbia (c) classe 1993, in prestito al Valencia
Stevan Jovetić (a) classe 1989, al Monaco
Samuele Longo (a) classe 1992, in prestito al Tenerife
Rey Manaj (a) classe 1997, in prestito al Granada
Gary Alexis Medel Soto (c) classe 1987, al Besiktas
Senna Miangue (d) classe 1997, al Cagliari
Jeison Fabián Murillo Cerón (d) classe 1992, al Valencia
Rodrigo Sebastián Palacio (a) classe 1982, svincolato
George Alexandru Pușcaș (a) classe 1996, in prestito al Benevento
Ionut Andrei Radu (p) classe 1997, in prestito all'Avellino
Trent Lucas Sainsbury (d) classe 1990, fine prestito torna allo Jiangsu Suning

Si attendevano i fuochi artificiali, soprattutto in considerazione della potenza mondiale del colosso Suning e invece, prima il FFP, poi il governo cinese, hanno mandato in fumo i sogni dei nerazzurri e di chi si aspettava quantomeno un top player, un vero giocatore di spessore, tanto per fare una nome Di Maria...

Per me togliendo i grandi nomi che via via ci sono stati accostati, il mercato è stato condotto con saggezza e va anche bene così, a detta di molti il top player è seduto in panchina ed è il nuovo tecnico Spalletti, staremo a vedere, forse siamo stati più bravi con le uscite, vedasi Biabiany e Jovetić, anche se mio rammarico, almeno la partenza di Banega si sarebbe dovuta evitare, ma vabbé.

Considerato che non giocheremo match in Europa infrasettimanali, la rosa va bene così, manca probabilmente un altro centrale e forse andavano tagliati rami secchi come Santon e Nagatomo, resteranno come riserve delle riserve, e viste le prime due giornate, perché non dare fiducia a questo gruppo?

Forse non saremo ancora da Tricolore, ma un piazzamento in Champions potremmo anche giocarcelo...e poi chissà, la palla è rotonda...

Share:

28/06/17

Maglia Away 2017/18

Eccoci alla presentazione ufficiale della seconda divisa da gioco:

La nuova divisa Away dell'Inter mantiene la classica palette di colori della seconda maglia bianco, azzurro e nero ma la declina in un modo più fresco e nuovo seguendo i dettami dello stile e dell'eleganza milanese e sfruttando la tecnologia Aeroswift. 

La maglia presenta un girocollo tondo con dettagli azzurri. Lo swoosh nero è posto sul lato destro, mentre lo stemma della squadra si trova su quello sinistro. Alcune aree creano un lieve motivo geometrico che migliora il fit soprattutto quando l'atleta è in movimento. 

Il tessuto nell'area delle spalle e delle maniche cambia trama dalla parte frontale al retro. Sul davanti la spalla e la manica sinistra sono azzurre diventando più scure e a trama più fitta sul retro. La parte destra invece è grigia e a trama leggera sul davanti andando verso i toni del nero sul retro. 

Tra i dettagli che rimandano alla storia del Club, la scritta "Nerazzurri" in bianco all'interno del colletto. 

Una riga azzurra percorre per tutta la lunghezza la maglia e i pantaloncini bianchi. La riga, espandendosi quando l'atleta è in movimento, garantisce il massimo della ventilazione. 

I calzettoni bianchi dotati di tecnologia Nike Grip completano la divisa con la scritta "Inter" e lo swoosh in nero sul davanti mentre una stampa grafica orizzontale azzurra corre sul polpaccio. 

INNOVAZIONE SOSTENIBILE 
Nike continua a mettere alla base delle sue divise il concetto di innovazione sostenibile, garantendo ineguagliabili benefici in termini di performance e minore impatto ambientale. Ogni parte della divisa - la maglia, i pantaloncini e le calze è costruita con poliestere riciclato, ricavato dall'utilizzo di bottiglie di plastica che vengono lavorate per produrre poi un filo finissimo che serve per creare i tessuti. 

TECNOLOGIA NIKE AEROSWIFT 
Le divise Nike Aeroswift, ad oggi le più avanzate dal punto di vista tecnologico, sono più leggere del 10% e più elasticizzate del 50% rispetto alle divise precedenti. Utilizzano infatti un nuovo filato ad elevata performance che elimina il sudore dalla pelle ad una velocità superiore del 20% rispetto alle più recenti divise di Nike, asciugandosi il 25% più velocemente. Inoltre, sia la maglia che i pantaloncini sono realizzati usando un nuovo processo di lavorazione a maglia che integra trame singole e doppie per migliorare la traspirabilità, l'elasticità e la vestibilità. 

Piuttosto elegante, ma le maniche di colori diversi non soddisfano pienamente, soprattutto i colori utilizzati non sembrano particolarmente adatti. L'importante resta una sola cosa, che come quella di casa possa essere vincente.

Share:

06/06/17

Spalletti nuovo mister

Dopo il tritallenatori della passata stagione che ha portato di tutto un po', sulla panchina nerazzurra giunge Luciano Spalletti, toscano di Certaldo dove è nato il 7 marzo 1959.

Per molti una seconda/terza scelta, si puntava a Conte, a Simeone, veri e propri leader della panchina ed ecco invece Spalletti.

Un eterno perdente, forse si, anzi un eterno piazzato, certo non ha avuto fortuna, prima l'Inter stellare di Josè Mourinho, poi la Juve di Allegri, e lui sempre lì nel mezzo, anzi sempre al secondo posto, con un intramezzo tra le due in Russia allo Zenit San Pietroburgo.

E vale la pena ricordare innanzitutto i successi proprio in Russia eh... un paio di Coppe Italia e Supercoppe Italia vinte contro di noi, quindi non è proprio uno sprovveduto, anche se a onor del vero pesa come un macigno la mancata conquista del Tricolore proprio nell'anno del Triplete 2010, quando a due giornate dalla fine era in testa, per poi “suicidarsi” in casa alla penultima contro la Sampdoria permettendo il contro sorpasso nerazzurro.

Un suo merito va riconosciuto, le sue squadre, fin dai tempi dell'Udinese hanno sempre disputato ottimi incontri, mettendo in mostra un gran calcio, spesso spettacolare...non sarà così da noi.

Io non lo vedo un tecnico adatto all'Inter, spero di essere smentito, ci voleva, visto la scorsa stagione uno di polso come i succitati mister, l'impressione che dà di se è di essere piuttosto “molle”, forse un po' “moscio” anche come modo di porsi davanti alle telecamere, del resto anche Mourinho lo sbeffeggiò più e più volte ridicolizzandolo.

La mia impressione è che non raggiungerà il panettone, forse neppure il “pane dei morti”, mi ispirava molto di più Stefano Pioli, speriamo che il biennale più opzione sul terzo anno mi smentiscano, vorrebbe solo dire che ha intrapreso una nuova vita nerazzurra vincente.

Share:

25/05/17

Maglia 2017/18

Presentata quest'oggi la nuova maglia per la stagione 2017/18, ecco quanto esposto al pubblico:

“La nuova divisa Home dell'Inter trae una forte ispirazione dalla città di Milano e sfrutta la tecnologia Dri-FIT. 
Il classico design nerazzurro infatti è stato rivisitato in chiave moderna: sul busto, le strisce verticali in larghezze diverse richiamano fortemente la nuova architettura della città. 
Tra i dettagli che rimandano alla storia del Club, la scritta "Nerazzurri" in bianco all'interno del colletto. 
I calzoncini sono neri con il logo dell'Inter sul davanti a destra e lo swoosh in bianco a sinistra. 
A completamento della divisa, le calze nere dotate di tecnologia Nike Grip, riportano sul davanti la scritta "Inter", sul retro strisce orizzontali azzurre. 

Share:

Post più popolari